Home Libri Il giorno del “pregiudizio universale” (Laterza)

Il giorno del “pregiudizio universale” (Laterza)

174
SHARE

Con Giuseppe Culicchia, Massimo Firpo, Bruno Gambarotta,\r\nNicola Lagioia, Giuseppe Laterza, Padre Antonio Menegon,\r\nRocco Pinto, Francesco Remotti, Chiara Saraceno

\r\n

Letture di Monica Bonetto

\r\n

Giovedì 1 dicembre 2016, ore 21\r\nChiesa di San Giuseppe Via Santa Teresa, 22 – TORINO\r\nilpontesulladora.itlaterza.itmadian-orizzonti.it

\r\n

L’abito non fa il monaco. Con la cultura non si mangia. Le donne non sanno guidare. Le ideologie sono morte. Gli immigrati ci rubano il lavoro. L’islam è intollerante. Chi si ferma è perduto. La mafia è invincibile. I politici sono tutti ladri. La rete non ha padroni. Il Sud vive alle spalle del Nord. Gli uomini sono tutti uguali…

\r\n

Sono solo alcuni dei pregiudizi e dei luoghi comuni che vengono rovesciati e smontati nel volume appena pubblicato da Laterza “Il pregiudizio universale”. Firme prestigiose come Corrado Augias, Zygmunt Bauman, Piercamillo Davigo, Elasti, Paolo Fresu, Nicola Lagioia, Loredana Lipperini, Luca Mercalli, Gino Roncaglia e Ignazio Visco sfatano credenze condivise non fondate però su una vera informazione.

\r\n

Il pregiudizio universale” viene presentato per la prima volta a Torino, nei locali della Chiesa di San Giuseppe giovedì 1 dicembre (ore 21 – Via Santa Teresa 22), in una serata organizzata dalla libreria Il Ponte sulla Dora e Madian Orizzonti, la ONLUS dei religiosi camilliani di Torino che opera con ospedali, scuole, centri per disabili e per bambini abbandonati in Armenia, Kenya, Indonesia, Georgia, Argentina, Haiti e Filippine.

\r\n

L’ingresso è libero fino a esaurimento posti.

\r\n

Introducono l’incontro l’editore Giuseppe Laterza e Padre Antonio Menegon, religioso camilliano. Coordina Bruno Gambarotta, con letture a cura di Monica Bonetto.

\r\n

Protagonisti alcuni degli autori torinesi (e non solo) che hanno fornito il loro contributo al volume con riflessioni che ripropongono durante la serata. Lo scrittore Giuseppe Culicchia sfaterà il luogo comune che ci fa credere chePer pubblicare un libro occorrono le conoscenze giuste. Lo storico Massimo Firpo smentirà la credenza che “L’arte non c’entra con la politica. Lo scrittore Nicola Lagioia, direttore del Salone Internazionale del Libro di Torino, confuterà i luoghi comuni per i quali La letteratura italiana è morta”. Il titolare della libreria Il Ponte Sulla Dora, Rocco Pinto, si confronterà con il pregiudizio secondo cui “Il web uccide le librerie. E nemmeno è vero che “Di mamma ce ne è una sola, come spiegherà l’antropologo Francesco Remotti. Un colpo a un’altra nostra radicata credenza arriverà dalla sociologa Chiara Saraceno: svelerà che non è proprio vero cheLa famiglia è un valore”.

\r\n

Dall’introduzione al volume, Giuseppe Antonelli spiega: «Il pregiudizio, spesso, è nient’altro che un luogo comune; uno spazio mentale condiviso, stretto e affollato. Consola e rassicura, si diffonde e rafforza proprio perché è comune: definisce e rinsalda la coesione di un gruppo, disegnandone un’identità. Prima ancora che etnocentrico, il pregiudizio è concentrico. Maschi contro femmine, famiglia contro società, campanile contro campanile, Nord contro Sud, italiani contro resto del mondo. (E, in molti casi, viceversa). Il fatto è che i pregiudizi non sono mai innocenti né innocui, anche quando si presentano come neutri o addirittura positivi.»

\r\n

Info

\r\n

Il Ponte sulla Dora: 011.19923177 – info@ilpontesulladora.it – facebook LibreriaIlPonteSullaDora

\r\n

Madian Orizzonti: 011539045 – info@madian-orizzonti.itwww.madian-orizzonti.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here