Home Eventi e News Giovanna Carone e Mirko Signorile al Festival Urticanti

Giovanna Carone e Mirko Signorile al Festival Urticanti

149
SHARE
\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

Il farlibe duo ritorna dal vivo al Festival Urticanti il prossimo 28 novembre al Teatro Kismet di Bari

\r\n

\r\nGiovanna Carone (voce) e Mirko Signorile (pianoforte) torneranno in concerto lunedì 28 novembre 2016 alle ore 20,45 al Teatro Kismet di Bari nel corso del Festival Urticanti. Sarà l’occasione per ascoltare dal vivo i brani del loro ultimo album in studio in duo “Mirazh” (Digressione Music) che segue, a tre anni di distanza, l’apprezzato “Far Libe (Per Amore)”.\r\nRispetto ai due precedenti lavori, questo nuovo disco del farlibe duo presenta la struttura del concept, raccogliendo undici brani, più uno strumentale, liberamente ispirati a “Le Città Invisibili” di Italo Calvino ed a “Il Libro dei Viaggi” di Beniamino di Tudela. Dal punto di vista prettamente stilistico, la formula è quella già collaudata in studio come sul palco, con il pianoforte di Signorile a tessere eleganti trame sonore su cui si innesta il timbro intenso ed evocativo della voce della Carone. Il risultato è una meravigliosa raccolta di canzoni che si muovono attraverso sentieri inesplorati tra canzone d’autore e jazz, impreziosite dai testi di Marisa Romano e Luca Basso, nei quali la lingua yiddish incontra quella italiana, dando vita ad un sorprendente dialogo oltre ogni barriera culturale e linguistica. Lasciarsi rapire dalla forza immaginifica delle liriche offre all’ascoltatore la possibilità di immergersi in una realtà fantastica dove il tempo e lo spazio abituali perdono senso, ed in cui si intrecciano il peregrinare di un cartografo ebreo, e il viaggio avventuroso di Marco Polo in Oriente. Si compone, così, un itinerario di luoghi, sospesi tra realtà e fantasia, nei quali ritrovare quell’avvincente realismo fantastico che appartiene alle opere di Salgari, Verne e Melville. “Mirazh” è, insomma, un disco raffinatissimo nel quale un pianoforte ed una voce si incontrano per esplorare un universo letterario di pura magia.

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

\r\n

NOTE BIOGRAFICHE

\r\n

Composto da Giovanna Carone e Mirko Signorile, il farlibe Duo nasce in modo quasi casuale, allorquando lui jazzista e lei cantante barocca si incontrano su un terreno altro, quello della canzone d’autore in lingua yiddish, ed in questo territorio straniero trovano una poetica ed un suono comune. Diplomatasi in conservatorio con Hector Pell in canto e musica vocale da camera sotto la guida di Amelia Felle, Giovanna Carone dopo l’esperienza come solista in formazioni specializzate nel repertorio storico, da alle stampe “Primo Libro de’ madrigali à quattro voci” di Pomponio Nenna (Tactus, 2002), e per la prima esecuzione moderna della messa “Adieu mes amour” di Rocco Rodio (Dad Records). Nel 2008 è la volta di “Donnamor” per Digressione Music su musiche del primo Seicento italiano con il tiorbista Sario Conte e le percussioni di Pippo D’Ambrosio. Nel suo percorso non sono mancate le esplorazioni intorno alla musica contemporanea e collaborazioni con la docente Marisa Romano e l’Università di Bari, per il recupero e la diffusione della canzone d’autore in lingua yiddish. Il suo ultimo lavoro discografico è “Il Bacio alla Barese”, L’Ottavo libro di madrigali di Pomponio Nenna, inciso con Orkestra Petronius diretta da Jacopo Raffaele (Digressione Music, 2014). Mirko Signorile, che del duo rappresenta l’anima compositiva, è da anni attivo sulla scena jazz nazionale sia come leader di progetti a suo nome che come sideman. Nel corso degli anni si è esibito con Dave Liebman, Greg Osby, Coung Vu, Enrico Rava, Paolo Fresu, David Binney, Gianluca Petrella, Fabrizio Bosso, Gaetano Partipilo, Roberto Ottaviano, Davide Viterbo. La sua attività abbraccia anche altre arti come il cinema, il teatro e la danza contemporanea. Ha al suo attivo sei album. “In full life” (Soul Note, 2003), “The Magic Circle” (Soul Note, 2005) e “Clessidra” (Emarcy/Universal, 2009) che ha riscosso un grande consenso di pubblico e di critica (miglior album per “Argo Jazz”) portando il conferimento del prestigioso Italian Jazz Awards 2010 nella sezione “Best Jazz Act”). Il 30 Novembre 2012  è uscito ”Magnolia”, edito per l’etichetta Auand “piano series”, mentre recentissimo è il suo ultimo album “Soundtrack Cinema”. Pur essendo due musicisti profondamente diversi per formazione e carattere, Giovanna Carone e Mirko Signorile con la loro collaborazione hanno dato vita ad un percorso di riscoperta musicale rivelando una incredibile affinità artistica e poetica, attraverso uno stile che va oltre il pop, il classico, il jazz e l’etnico. Luogo d’elezione per la loro musica è il palco, la musica yiddish è rivisitata in modo originale, non filologico. Dopo aver debuttato nel 2010 con “Betàm Soul”, a due anni di distanza li ritroviamo con “Far Libe (Per Amore)” con il quale raccolgono grande consenso di pubblico e critica, con passaggi radiofonici in diverse trasmissioni di Radio3 come Battiti, e Primo Movimento. Invitati più volte al Goethe Institut di Roma, hanno calcato insieme i palchi di tutta Italia, suonando in festival prestigiosi come Times Zones, Adriatico Mediterraneo, Sulle Ali della Bellezza, Nel gioco del Jazz e MiTo, nonché esibendosi dal vivo per la trasmissione 6 gradi e nel gennaio 2012 per i Concerti del Quirinale. Il loro ultimo album “Mirazh” è presentato in anteprima a Bari al Teatro Forma il 30 novembre 2014, segnalandosi sin da subito come l’opera più rappresentativa della cifra stilistica del duo.

\r\n

\r\n

\r\nUFFICIO STAMPA\r\nFoolish Promo

\r\n

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here