Home Cinema “Fuga di cervelli” per Paolo Ruffini

“Fuga di cervelli” per Paolo Ruffini

96
SHARE

La“FUGA DI CERVELLI” inizia dalla Sapienza con  Medusa film e QMI

\r\n

 

\r\nGrazie alla collaborazione con Medusa film, QMI ha realizzato un evento originale per l’arrivo al cinema della nuova commedia “Fuga di cervelli”, il film debutto alla regia di Paolo Ruffini (nelle sale dal 21 novembre). Gli studenti dell’Università La Sapienza di Roma hanno potuto vivere una giornata speciale. Nel cortile dell’università infatti, è approdato l’autobus del film per prelevare i migliori cervelli dell’università e sottoporli a un difficile test per ammetterli alla prestigiosa Royal University of Oxtia.\r\n\r\n \r\n\r\nGli studenti sono quindi saliti a bordo del pullman di “Fuga di cervelli” dove hanno avuto l’occasione eccezionale di incontrare personalmente i protagonisti: il comico livornese di successo Paolo Ruffini, Guglielmo «Willwoosh» Scilla, la Iena italo-americana Frank Matano, Andrea Pisani e Luca Peracino dei PanPers di Colorado, oltre a ricevere tantissimi gadget e attraversare la città con l’autobus a due piani per accompagnare il cast alla conferenza stampa presso il cinema Adriano.\r\n\r\nInoltre, i primi 40 studenti che hanno completato il test sono stati invitati all’anteprima della spassosa commedia il 19 novembre a Roma.\r\n\r\n \r\n

\r\n\r\n“Fuga di Cervelli” (distribuito da Medusa Film e prodotto da Maurizio Totti e Alessandro Usai per Colorado Film in collaborazione con Medusa Film) è il remake del successo spagnolo, campione di incassi, “Fuga De Cerebros” (di Fernando González  Molina 2009). Protagonista del nuovo “college movie”, ricco di disastri ed equivoci ma anche di temi sociali contemporanei è Emilio (interpretato da Luca Peracino), un nerd timido e impacciato che, per un amore inconfessato, si trova a vivere insieme ai suoi amici un’avventura “oxfordiana” ai limiti del demenziale, i suoi compagni di viaggio sono Lebowsky, un hacker provetto e spacciatore (Willwoosh), Franco un gay non dichiarato (Frank Matano), e due disabili: il malato di sesso costretto su una sedia a rotelle Alonso (Andrea Pisani) e il casinista e cieco Alfredo (Paolo Ruffini).\r\n\r\n \r\n\r\n

\r\nQMI, agenzia di pubblicità leader nell’entertainment marketing, è specializzata nell’utilizzare l’intrattenimento per aggiungere valore alle politiche commerciali e di comunicazione dei propri clienti. Ogni anno, infatti, definisce strategie di comunicazione e marketing su misura per più di 150 aziende clienti. Attraverso progetti di Enterteinment Comunication, lega la comunicazione di un prodotto a un film di successo, come nel caso della campagna che ha unito la grafica promozionale dello Shampoo Ultra Dolce Garnier a quella de “I Puffi 2”. \r\n\r\nOrganizza, inoltre, operazioni legate all’intrattenimento per fidelizzare e ampliare il portfolio clienti, come nel caso di Sky Solo per Te, Eni Magia Disney e Poste Italiane per cui QMI ha creato Postepay Fun, un’ area del portale postepay.it di Poste Italiane interamente dedicata al mondo dell’entertainment e dell’e-commerce. QMI posiziona anche i prodotti delle aziende nelle produzioni cinematografiche nazionali e internazionali di successo, cercando di colpire il target del cliente attraverso le emozioni. È il caso del trolley Tumi all’interno del film di Paolo Sorrentino “This Must Be the Place”, dei marchi nostrani Acqua Minerale San Benedetto e Pasta Garofalo in “To Rome with Love” di Woody Allen e dell’azienda ferrarese Simoni Racing all’interno di “Fast and Furious 6”. Inoltre QMI crea eventi legati al mondo dell’intrattenimento come la sezione Movie del Lucca Comics & Games, giunta ormai alla sua terza edizione, e il grande successo della prima Festa del Cinema, lo scorso maggio. L’agenzia, nel 2008, è stata la prima ha portare la musica al cinema con concerti live, materiali inediti e docufilm. Attualmente continua con la distribuzione di contenuti alternativi tra cui l’opera lirica e il balletto, oltre a riproporre sul grande schermo i capolavori cinematografici del passato, da riscoprire in versione restaurata.\r\n\r\nFonte: Parole&Dintorni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here