Home Libri LA TRADUTTRICE DELLO SCRITTORE LIBANESE RABIH ALAMEDDINE IN RISTAMPA A UNA SETTIMA...

LA TRADUTTRICE DELLO SCRITTORE LIBANESE RABIH ALAMEDDINE IN RISTAMPA A UNA SETTIMA DALL’USCITA

124
SHARE

” Aaliya èun personaggio perfetto. A volte la contempliamo ammiarti mentre la sua testa si popola di libri meravigliosi che l’aiutano a capire il mondo.” Susanna Nirenstein, La Repubblica\r\n\r\n”Il lettore troverà in Aaliya una nuova indimenticabile amica” Franco Marcoaldi, D\r\n\r\nE’ uscito in libreria il 10 luglio ed è già in ristampa. Andrew Sean Greer lo ha definito “Il libro dell’anno”, ma su Rabih Alameddine si sono espressi con entusiasmo i migliori scrittori di oggi da Jonathan Safran Foer a Junot Diaz a Alexandr Hemon. Il suo stile che riesce a riprendere il filo dei grandi racconti da mille e una notte ma come immergendoli nel cuore pulsante della letteratura contemporanea, ci lascia un personaggio non facilmente dimenticabile, e una Beirut stupendamente descritta, come ” Elizabeth Taylor: folle, bella, malandata, a pezzi, sulla via del tramonto, e sempre carica di drammaticità”.\r\n\r\n \r\n\r\nE’ il primo dell’anno e Aaliya inizia a tradurre in arabo un nuovo libro, come tutti gli anni a capodanno: Bolano, Sebald, Pessoa, Marìas. E’ il suo modo di festeggiare il tempo.\r\n\r\nRipudiata molti anni prima dal marito impotente Aaliya Sobhi ha 72anni, vive da sola in un grande appartamento Beirut, vive col fucile accanto al letto e in compagnia di molti libri. Deve decidere ancora cosa iniziare a tradurre. Aaliya è stata una libraia e traduttrice in arabo dei capolavori della letteratura mondiale; una passione, quella di tradurre, coltivata nel silenzio, per il suo esclusivo piacere: nessuna di quelle traduzioni è mai stata pubblicata. Ma lei, Aaliya, ha continuato a farne, e sempre a partire dal primo di gennaio, all’inizio di ogni nuovo anno. Ma un giorno una luce diversa da quella che emanano i libri aveva illuminato la vita di Aaliya: Ahmed, un giovane profugo palestinese, aveva iniziato a lavorare nella sua libreria. L’amore per i libri avrebbe potuto intrecciarsi, come i tralci di una vite, alla passione tra i due ragazzi, ma l’odio e la guerra, in agguato, e i loro bagliori, come quelli dell’amore, ancora non si spengono.\r\n\r\nDopo Il cantore di storie, Rabih Alameddine ci offre una favola contemporanea, una storia d’amore densa di lirismo, passioni, verità. Ma La traduttrice è anche un attestato d’amore per le pagine dei grandi libri, dei classici che, coltivati nel silenzio, alimentano la Storia. La traduttrice è un romanzo sulla passione, passione per la letteratura e passione per l’amore, e conferma il talento straordinario di questo narratore che unisce il lirismo di Amos Oz e l’inventiva di Abraham Yehoshua.\r\n\r\n \r\n\r\nRabih Alameddine\r\n\r\nLa traduttrice\r\n\r\nTraduzione di Licia Vighi\r\n\r\nBompiani, Collana Narratori Stranieri pag. 340 € 18,00\r\n\r\n \r\n\r\nRabih Alameddine è nato in Giordania nel 1959 da genitori libanesi. Dopo aver vissuto in Kuwait, Libano e Inghilterra, ora si divide tra San Francisco e Beirut. Ha già pubblicato una raccolta di racconti, The Perv, e tre romanzi: Koolaids, I, the Divine e Hakawati. Il cantore di storie pubblicato da Bompiani nel 2009.\r\n\r\nFonte: Davis & Franceschini\r\n

\r\n

\r\n

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here