Home Uncategorized La notte dei Musei: “Liberato mondo” a Viareggio

La notte dei Musei: “Liberato mondo” a Viareggio

112
SHARE

LA NOTTE DEI MUSEI\r\n

LIBERATO MONDO

\r\n

tensioni e trasformazioni nel segno di Lorenzo Viani

\r\n

Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani” Palazzo delle Muse Piazza Mazzini Viareggio

\r\n

sabato 18 maggio 2013 – ore 18.00-23.00 ingresso libero

\r\n

Nell’ambito del progetto europeo La Notte dei Musei e in omaggio all’artista e scrittore Lorenzo Viani (1882-1936), importante rappresentante dell’espressionismo europeo a cui è intitolata la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Viareggio, l’associazione culturale BAU coordina un evento multimediale che intende rivisitare la poetica e l’immaginario del grande autore viareggino nei diversi linguaggi contemporanei. Il titolo della manifestazione fa riferimento alle tensioni libertarie presenti nell’opera di Viani, che in onore al poeta del “Liberato Mondo” Percy B. Shelley curò una pubblicazione monografica nel 1922, centenario del ritrovamento del corpo sulla spiaggia di Viareggio. Un corteo di artisti metterà in collegamento luoghi cittadini simbolici della memoria di Viani. Sono previste installazioni temporanee di opere e sculture sul tema, oltre ad una serie di performance, letture poetiche, azioni teatrali e interventi musicali di autori locali e nazionali. L’evento a ingresso libero si inserisce nel quadro dell’iniziativa “Amico Museo”, che coinvolge dal 18 maggio al 2 giugno i principali spazi museali viareggini.

\r\n

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

\r\n

Ore 7.00

\r\n

Liberato Mondo (un tributo)

\r\n

Muovendo dal Monumento ai Caduti di Viareggio di Lorenzo Viani e Domenico Rambelli (Piazza Garibaldi), un corteo sfilerà fino al busto marmoreo di Viani, opera dello scultore Arturo Martini, situato all’imbocco del molo. Qui si succederanno brevi azioni e interventi in tributo a Viani, il corteo proseguirà quindi fino al Palazzo delle Muse. La documentazione video dell’azione verrà proiettata nel corso della serata-evento alla GAMC. In caso di maltempo, l’orario dell’azione potrà subire variazioni.

\r\n

Prendono parte al progetto: Silvia Ancillotti (corona scultorea), Vittore Baroni (introduzione), Maicol Borghetti (riprese video), Antonino Bove (evocazione vianesca), Luca Brocchini (frammento sonoro, ritratto in gesso di Viani), GianLuca Cupisti (frammento poetico), Graziano Dovichi (azione solare), Luigi Lazzerini (ricerche storiche), Mirco Mugnaini (vessillifero), Manuel Perna (frottage), Stefania Scroglieri (fotografie), Maurizio Marco Tozzi (riprese video), Tommaso Vassalle (coordinamento logistico), Tatiana Villani (vessillo in stoffa).

\r\n

Ore 18.00-23.00

\r\n

Apertura della GAMC al pubblico, visita gratuita al museo e alle opere collocate per l’occasione: Vittore Baroni Antonino Bove Luca Brocchini Sinfonia Nera, testimonianze medianiche su un’opera musicale perduta di L. Viani | Stefania Brandinelli Monnezza e altri ritratti | Luca Gaddini Project Sindonext, video-ritratti | Bruno Larini L’uomo trasformista, scultura | Vittorio Simonini – opera combusta | Sandra Viani – fotografie delle pitture murali di L. Viani ad Ostia | E inoltre: Lorenzo Viani – carboncino originale, studio per La peste a Lucca.

\r\n

Ore 19.30-20.30

\r\n

Degustazione di piatto tipico d’epoca, offerto dal Ristorante Lorenzo.

\r\n

Ore 21.00-22.30

\r\n

Intervengono: Vittore Baroni Luca Brocchini – introduzioni | Antonino Bove – evocazione vianesca, performance oscura | Maicol Borghetti Maurizio Marco Tozzi Autori Vari Liberato Mondo (un tributo), video | Adolfina De Stefani e Antonello Mantovani (gruppo OPEN) – Opera in nero, performance | Filippo Ciavoli Cortelli David Paolinetti Alberto Picchi Nicola Quiriconi I Baviani, video-performance elettroacustica | I Gioielli Rubati di Fernanda Seggiole, azione teatrale | Teatro Satanico (Devis Granziera, Roberto “Kalamun” Pasini, Mauro Martinuz) – video-azione sonora | Negli intervalli: letture da poesie scelte di Lorenzo Viani a cura di Paola Lazzari.

\r\n

Si ringrazia Sandra Viani per la disponibilità all’esposizione in via eccezionale dei disegni preparatori originali di Lorenzo Viani per il dipinto La peste a Lucca.  Si ringrazia Lorenzo Viani, pronipote dell’artista, e il Ristorante Lorenzo di Forte dei Marmi per il gradito omaggio gastronomico.

\r\n

Informazioni:

\r\n

GAMC Viareggio – tel. 0584 581118 – www.gamc.it gamc@comune.viareggio.lu.it

\r\n

BAU Associazione Culturale  www.bauprogetto.net info@bauprogetto.net https://www.facebook.com/pages/bau/195890741553

\r\n

Biografie degli autori

\r\n

Silvia Ancillotti

\r\n

Sono nata a Viareggio dove vivo e dipingo. Dopo gli studi artistici ho iniziato a girare il mondo in barca a vela e per molti anni ho guardato a realtà diverse dalla nostra, immagazzinando nella mia anima colori, volti, sguardi e impressioni. Ritornata in Italia ho ripreso a dipingere trasfondendo nelle mie opere tutta la mia esperienza di “migrante”.

\r\n

Vittore Baroni

\r\n

Nato a Forte dei Marmi nel 1956, vive e lavora a Viareggio dove cura l’archivio multimediale E.O.N. Dai Settanta è attivo nel circuito planetario della Mail Art e promuove mostre, pubblicazioni, incontri e progetti partecipativi incentrati sulle culture di rete. Si occupa di critica musicale per il mensile Rumore. Nel 2004 è tra i fondatori di BAU.

\r\n

Maicol Borghetti

\r\n

Nasce a Pietrasanta nel 1976. Amante della fotografia fin da giovanissimo, fa del fermo immagine la sua professione. Con l’evoluzione dei mezzi tecnologici, l’interesse per la fotografia porta l’autore ad abbracciare anche il mondo dell’immagine in movimento. Dedicandosi alla regia di cortometraggi di ricerca, si appassiona al racconto per immagini spaziando tra creazione di storie inedite, lavori biografici e film documentari. Dal 2009 è membro fondatore di Studio Sumatra, casa di produzione artistica indipendente. www.studiosumatra.com

\r\n

Antonino Bove

\r\n

Nasce nel 1945. Fonda nel 1973 la Società degli Onironauti e il Laboratorio per la Materializzazione dei Sogni. Studioso della levitazione, nel 1992 propone all’Agenzia Spaziale Italiana di esporre assemblaggi, sculture ed effettuare performance in camere prive di forza di gravità. Partecipa, nel 2007, alla 52a e nel 2011 alla 54a edizione della Biennale di Venezia. È ideatore e co-fondatore nel 2004 dell’Associazione Culturale BAU di Viareggio, dove risiede.

\r\n

Stefania Brandinelli

\r\n

Nata a Milano nel 1963. Accademia di Belle Arti di Bologna (Pittura con Concetto Pozzati), Laurea in D.A.M.S. (Arte). Dal 1987 al 1996 ha continuato a studiare pittura e scultura negli Stati Uniti. Vive e lavora a Pietrasanta. Madre di due bambini, da cinque anni è attivista per Rifiuti Zero; fa parte del Team Operativo del Centro di Ricerca Rifiuti Zero di Capannori per i progetti legati all’arte. www.stefaniabrandinelli.com

\r\n

Luca Brocchini

\r\n

Inizia l’attività negli anni Sessanta nell’ambito dell’espressionismo astratto, della Pop Art, dell’arte povera, del Neo Dada. Nella sua ricerca artistica sperimenta e rinnova continuamente i suoi temi e le sue tecniche espressive in costante e originale dialogo con le più profonde ad originali  tendenze dell’arte contemporanea. È tra i fondatori di BAU. Sue opere si trovano presso collezioni pubbliche e private nazionali e internazionali. Nel 2011 ha pubblicato Contemporanee coincidenze, ed. Albatros.

\r\n

Filippo Ciavoli Cortelli

\r\n

Si è diplomato all’Accademia di BB.AA. di Carrara in scultura nel 2000. Porta avanti una sua personale ricerca artistica tra pittura, scultura e grafica indagando i rapporti di tensione tra l’impossibilità di guardare dentro una realtà frammentata in continuo comporsi-decomporsi e la tendenza al controllo totale della tecnica. Fa parte del quartetto di improvvisazione sonora VipCancro.

\r\n

GianLuca Cupisti

\r\n

Nato nel 1954 a Viareggio, la sera del 19 luglio alle 23:30. Da allora è attivo sullo sterminato territorio dell’arte, in varie e mutevoli vesti, che lo hanno portato ad esplorare gli abissi della mente e all’ascolto del corpo, in tutte le sue più intime, infinite sfumature. Propende verso la luce, con lo sguardo aperto all’orizzonte.

\r\n

Adolfina De Stefani e Antonello Mantovani (Gruppo Open)

\r\n

Gruppo costituito dall’artista Adolfina De Stefani nell’ambito del progetto Open House nell’anno 2000 con l’intento di far interagire artisti con personalità e culture diverse. Un percorso volto a formalizzare le idee di più componenti passando dall’oggetto all’azione per assemblarle in una unica potenziale espressione del corpo, dove elementi ancestrali agiscono come protagonisti nel percorso creativo e sperimentale del gruppo. L’Estetica è l’elemento essenziale nella poetica del gruppo “Open”.

\r\n

Graziano Dovichi

\r\n

Sono nato il 22 gennaio del 1958 a Lucca, dove vivo e lavoro. Il mio lavoro racchiuso in una parola è: innescare, che sia: … bla, bla, bla … che sia: … bla, bla, bla … che sia: … bla, bla, bla … oppure: … bla, bla, bla, bla … ma anche: … bla, bla, bla …

\r\n

Luca Gaddini

\r\n

Nasce a Lucca nel 1963 dove vive e lavora, sin dagli inizi della sua carriera artistica ha abbinato la solida preparazione e pratica pittorica con l’intervento tecnologico. Questa ricerca ha raggiunto una maturità linguistica e tecnica che riesce a fondere la soggettività della pittura con l’oggettività della fotografia e la fluidità temporale del video. Le sue opere “Sindonext” sono realizzate utilizzando monitor “intelati” o rivestiti di nylon, video montati secondo una gradazione di ralenti che impone allo spettatore un atteggiamento attivo, affrancato dalla passiva contemplazione.

\r\n

I Gioielli Rubati di Fernanda

\r\n

Il gruppo è un intrigo di percorsi multidisciplinari, teatro, performance, video, musica e manualità, che si districa nel territorio apuo-versiliese. È un collettivo artistico e si compone di diverse figure che si ritrovano in occasioni particolari in funzione del progetto da realizzare per esprimere il proprio punto di vista e la propria poetica.

\r\n

Bruno Larini

\r\n

Artista atipico e anticonformista, le sue opere sono icone enigmatiche e simboliche. Dopo importanti esposizioni nelle principali capitali europee come Londra, Parigi, Vienna, Lisbona, Roma, oltre che New York, nel 2011 partecipa alla 54ma Biennale di Venezia – Padiglione Italia con l’opera Chyangra.

\r\n

Paola Lazzari

\r\n

Attrice e regista teatrale, negli anni ’70 ha frequentato la scuola del Piccolo Teatro di Pontedera, concludendo l’esperienza con un laboratorio nell’ospedale psichiatrico di Volterra. Ha proseguito la sua ricerca teatrale in stage con gli attori dell’Odin Teatret, con attori della compagnia di Peter Brook, ecc. È stata cofondatrice e attrice della Compagnia Teatro dell’Accadente di Lucca, con cui ha rappresentato numerosi lavori.

\r\n

Luigi Lazzerini

\r\n

È stato fellow presso l’Harvard Center for Renaissance Studies di Villa i Tatti, Firenze e ha pubblicato, tra le altre cose, il saggio storico sulla morte nel Rinascimento Nessuno è innocente (Olschki, Firenze 2002). Quando scrive gli piace lavorare al confine tra i generi e se possibile infrangere linee di divisione consolidate come quella tra storiografia e racconto.

\r\n

Mirco Artifex Mugnaini

\r\n

(970-?). > “Sono rimaste le lettere e le parole . conosco i sentieri e le boscaglie . nelle quali mi addentro con la visualizzazione . viaggio d’attese pazienti .  segrete . sorpassate opere acquisite . osservo e conosco . il vino non ha lo stesso sapore . sono rimaste le lettere . le parole . gli atomi e le molecole . ec via dicendo . ecce humus . ec humus”.

\r\n

David Paolinetti

\r\n

È scultore. Dopo il diploma in pittura, sul finire degli anni ’90, si avvicina alla modellazione plastica. Nasce come batterista o percussionista spaziando tra diversi generi musicali e contemporaneamente compone canzoni di cui è autore ed interprete. Dal 2012 collabora stabilmente con il quartetto di  improvvisazione sonora VipCancro.

\r\n

Manuel Perna

\r\n

Nato a Viareggio, vive e lavora tra Viareggio e Berlino. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Dal 2007 al 2010 è parte di Happenstudio, un collettivo piattaforma internazionale con sede nel mitte di Berlino dove si organizzano mostre, eventi e si accolgono artisti in residenza. Nel 2011 è artist in residence per Public art program of PERMM. Dal 1999 partecipa a mostre e progetti in Italia e all’estero lavorando con vari media: grafica, pittura, fotografia.

\r\n

Alberto Picchi

\r\n

Coltiva la passione per la musica sin da adolescente collezionando ogni genere di suono o musica, cantando e scrivendo testi per un gruppo punk-hardcore. Dalla fine degli anni ’90 si interessa alla manipolazione digitale dei suoni e alla composizione musicale programmando e utilizzando applicazioni audio modulari. Fa parte del quartetto di improvvisazione sonora VipCancro ed è tra i fondatori dell’etichetta di musica sperimentale Lisca Records.

\r\n

Nicola Quiriconi

\r\n

Attivo in ambito musicale sin dagli anni ’90 in formazioni rock e no-wave integra la passione per le arti visive,

\r\n

oltre alla laurea in Cinema, con lavori di stampo documentaristico, “A Damo Story” ritratto di Damo Suzuky, presentato al Roma Doc Festival 2004, e lavori di video arte, vincitore del LDVF 2010, nello stesso anno viene selezionato per l’annuario Young Blood tra i migliori giovani video artisti italiani. Fa parte del quartetto di improvvisazione sonora VipCancro ed è tra i fondatori dell’etichetta di musica sperimentale Lisca Records.

\r\n

Vittorio Simonini

\r\n

Nato nel 1964 in Versilia, vive e lavora a Viareggio.  Autore di pitture, sculture e installazioni ha pubblicato inoltre volumi di poesie tra cui “Vado Vagando” (2006). Ha effettuato nel 2013 la mostra antologica personale “Essere Sempre” presso i Musei Civici di Villa Paolina a Viareggio.

\r\n

Teatro Satanico

\r\n

Esordisce come duo synth-punk nel 1993, accostando sonorità post-industrial a testi in italiano. Col passare degli anni il progetto si è distinto per la continua ricerca ed innovazione artistica. Pur continuando un percorso nel grande solco della musica elettronica, la produzione del gruppo propone un’originale ipotesi di post-pop concettuale, difficilmente collocabile in un qualsiasi filone di genere codificato. L’attuale formazione prevede la presenza e la direzione di Devis Granziera, fondatore del progetto, coadiuvato dall’artista pluri-disciplinare Roberto “Kalamun” Pasini e dal tecnico del suono Mauro Martinuz.

\r\n

Stefania Scroglieri

\r\n

Nata  a Carrara, dove vive. Si laurea presso l’Accademia di Belle Arti della sua città in Scenografia. Appassionata di teatro, arte e fotografia.

\r\n

Maurizio Marco Tozzi

\r\n

Classe 1971. Si laurea in Cinema ed Immagine Elettronica all’Università di Pisa e successivamente si specializza in Net Art e Culture Digitali presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara. Si occupa di organizzazione di mostre con particolare attenzione alla ricerca nell’ambito delle nuove tecnologie. Realizza inoltre opere sia  analogiche che digitali tramite le quali racconta e denuncia le problematiche dei nostri tempi. http://mauloco.blogspot.com

\r\n

Tommaso Vassalle

\r\n

Da anni tento a volte di “immaginare”, altre volte cerco un puro equilibrio tra forma e colore. Attualmente nella mia ricerca utilizzo fotocamera digitale, computer e scanner ed applico colori ed effetti che riguardano i vari aspetti inerenti l’immagine, dal soggetto ai particolari fino alle dimensioni.

\r\n

Sandra Viani

\r\n

Nasce a Viareggio nel 1951. Discendente diretta del grande pittore e scrittore Lorenzo Viani è da sempre attratta dall’arte e dal rigore dei numeri. Professoressa di matematica, ha trovato la sua dimensione artistica nella fotografia. Nell’arco di più di vent’anni ha studiato e sperimentato la tecnica e ha partecipato a concorsi, mostre collettive e personali in Italia e all’estero. La sua produzione abbraccia temi di grande varietà: ritratto, reportage, paesaggio, still life, dove cerca sempre di coniugare estetica e significato.

\r\n

Tatiana Villani

\r\nCome artista da anni porto le mie specificità culturali nei progetti che realizzo in giro per il mondo. Per specificità culturale intendo l’appartenenza alla cultura tradizionale dell’enclave linguistica Grica (Salento) con il suo ricco bagaglio rituale religioso e mondano. Ma anche e non meno il bagaglio professionale che spazia dalle arti visive, al teatro, alla terapia artistica applicata a varie aree del sociale. Mi avvalgo di diversi medium (pittura, fotografia, installazione, video) per trattare tematiche inerenti all’uomo e al suo rapporto con l’ambiente.\r\n\r\nFonte: GAMC Viareggio

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here