Home Libri Marina Chapman, “La bambina senza nome”

Marina Chapman, “La bambina senza nome”

398
SHARE

Questa è una storia talmente incredibile che può solo essere vera. A un’età in cui si viene cullati dalla mamma, Marina si trova da sola nella giungla a lottare per la sopravvivenza. Adesso, dopo quasi cinquant’anni, ha deciso di raccontare questa storia straordinaria. In uscita anche un documentario che ha già catturato l’attenzione dei media. Il libro, prima ancora della sua pubblicazione in Italia, è già stato oggetto dell’interesse della stampa.\r\n\r\nUna storia indimenticabile, un evento editoriale in uscita in 10 paesi. \r\n\r\n“Uno dei miei primi ricordi è di me a quattro anni: stavo sgranando piselli nell’orto vicino a casa. Una mano mi afferra, mi schiaccia uno straccio sulla bocca e il cielo diventa nero. Poi i miei rapitori mi hanno abbandonato nella giungla colombiana.\r\n\r\nMi ricordo rumori terrificanti tutto intorno e la sensazione di soffocare, con tutta quella vegetazione che mi sovrastava. Cercavo la strada di casa, mi sentivo intontita, spaventata e affamata. A un tratto mi sono vista circondata da un branco di scimmie. Mi hanno accolta e per cinque anni ho vissuto con loro. Fino a quando due cacciatori mi hanno trovata. Ho conosciuto tanta cattiveria da allora che mille volte ho rimpianto quel giorno. Mi ci sono voluti anni per ritrovare la strada, una qualunque strada, che mi portasse alla libertà.”\r\n\r\nFu così che pensai a quale nome fosse più adatto a me, e qualche giorno dopo scelsi finalmente quello che mi sembrava giusto. A quel punto Marynelly parlò con il prete che mi battezzò, e quel giorno uscii dalla chiesa, a quattordici anni o giù di lì, col mio nome, Luz Marina, che significa “luce del mare”\r\n\r\n“La mamma non ci permetteva mai di tenere il broncio troppo a lungo. Ci stimolava; diceva qualcosa tipo: <<Tirati su, rialzati, inventati qualcosa con quel che hai, sii grata di ogni piccola cosa e datti da fare!>>\r\n\r\nVanessa James, figlia di Marina Chapman\r\n\r\n“La storia di Marina Chapman suona incredibile, da fumetto, romanzo di avventura o film di Hollywood: eppure a quanto pare è vera, come lei stessa racconta in questo libro.”\r\n\r\nLa Repubblica\r\n\r\n“Un racconto affascinante.”\r\n\r\nEntertainment Weekly\r\n\r\nDaily Mail: http://www.dailymail.co.uk/femail/article-2304959/Marina-Chapman-raised-monkeys-How-I-rescued-jungle-home-sold-brothel-parrot.html \r\n\r\nMarina Chapman\r\n\r\nÈ nata in Bolivia intorno al 1950, ma la vera data e il vero luogo di nascita sono sconosciuti. La sua vita in Inghilterra comincia all’età di 27 anni. Oggi è sposata e ha due figli e tre nipoti. Prima di scrivere questo libro, non aveva mai parlato del suo passato.\r\n\r\n \r\n\r\nMarina Chapman\r\n\r\nLa bambina senza nome\r\n\r\nCoautore: Lynne Barrett-Lee\r\n\r\nTitolo originale: The girl with no name\r\n\r\nPagine: 321 Prezzo: 17,50 €\r\n\r\nFonte: Arianna Malacrida

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here