Home Libri Editoria: E l’agnello mangiò il lupo, l’ultima fatica letteraria di Piercarlo Visconti

Editoria: E l’agnello mangiò il lupo, l’ultima fatica letteraria di Piercarlo Visconti

165
SHARE

 L’ultimo romanzo di Piercarlo Visconti

\r\n

in anteprima nazionale martedì  14 maggio 2013 con il book show

\r\n

 “Trilogia di un possibile futuro”

\r\n \r\n\r\nFirenze, 14 maggio 2013 – È arrivato il terzo atto, quello finale, conclusivo. Con E l’agnello mangiò il lupo, Piercarlo Visconti si addentra sempre di più nell’animo umano, mette ancora una volta sul piano della bilancia la vita e la morte, le scelte difficili che portano all’una o all’altra, impone ai suoi personaggi decisioni che graveranno sulla loro coscienza ma che devono essere prese nella frazione di un secondo per non soccombere.\r\n\r\nVisconti si dimostra ancora una volta abile narratore, sulla scia della fortunata scuola d’oltre oceano che ha dato vita a tanti best seller e che trasferisce in terra Toscana, dando vita ad una trilogia assolutamente credibile e coinvolgente.\r\n\r\nNel primo libro, Erano tutte brave persone, l’umanità tutta viene colta di sorpresa dall’evento catastrofico creato da un’attività extra della stella che ci dà la vita, il sole, e deve adattarsi al mondo nuovo: cambiano i bisogni, si azzerano gli ideali di ogni genere, l’acqua diventa il bene più prezioso, il cibo scarseggia, il paesaggio cambia inesorabilmente. Carlo, il protagonista, ci accompagna in questo viaggio che parte da Firenze e si snoda sulle colline del Chianti, dove affronterà i suoi incubi peggiori. Qui i colori escono dalle pagine ed entrano nell’anima del lettore.\r\n\r\nDove gridano i gabbiani, secondo atto di questa trilogia, racconta del viaggio verso il mare che potrebbe essere la salvezza, l’incontro con altri umani che sono mutati, non più uomini ma bestie feroci, incontrollabili, ma anche con personalità che costringeranno Carlo a indagare ancora di più dentro di sé e trovare così la forza di andare avanti. Il bianco della neve, del ghiaccio e il rosso del sangue sono i timbri che marchiano il lettore.\r\n\r\nE l’agnello mangiò il lupo è il punto di arrivo, il punto da cui ripartire e provare a ricreare un’umanità nuova. La meta è Livorno e la sua roccaforte su quel mare che può dare la salvezza. Un romanzo, quindi, che ha come coprotagonista l’acqua, ma anche un romanzo di “rumori” che dalle pagine risuonano nella testa e nell’anima, pagina dopo pagina.\r\n\r\n“Trilogia di un possibile futuro” è l’evento creato per presentare E l’agnello mangiò il lupo ancorandolo ai romanzi che lo hanno preceduto. Non una presentazione classica, quindi, per il lancio di questo romanzo, ma uno spettacolo fatto di parole, suoni e rumori che ha lo scopo di avvolgere il pubblico e portarlo dentro alle pagine.\r\n\r\nSarà il Combo Social Club, “giovane” location aperta in aprile a Firenze in via Mannelli 2, ad ospitare l’evento martedì 14 maggio alle ore 21.00. Lo stile underground e le sue atmosfere ben si adattano al messaggio di Visconti. Sul palco grazie alla regia di Lorenzo degl’Innocenti, si alterneranno attori della Scuola delle Arti e dello Spettacolo , le note del flauto traverso di Massimiliano Lisi e la voce soul di Lisa Graps.\r\n\r\n \r\n\r\nPrimaAgnelloLupo (1)\r\n\r\n \r\n\r\nNotizie sull’autore\r\n\r\nNato ad Alessandria, vive da molti anni a Firenze. Docente Universitario di Chirurgia speciale orale presso l’Università di Siena. Laureato in Biologia e successivamente in Medicina e Chirurgia, specializzato in Odontostomatologia. Svolge la propria attività di medico dentista e implantologo a Firenze. È stato cronista di cronaca nera e di servizi speciali per il quotidiano romano Paese Sera. È socio del Rotary International Club di Firenze. Valente pittore. Con questo romanzo concretizza la sua passione di sempre: la scrittura.\r\n\r\n \r\n\r\nPiercarlo L. Visconti, E l’agnello mangiò il lupo, pag. 204, Romano Editore, 2013, Euro 13,00 – www.romanoeditore.it\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa Theatrum Srl\r\n\r\n 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here