Home Arte Mario Colzi

Mario Colzi

141
SHARE

 “Museo Ugo Guidi” “Amici del Museo Ugo Guidi – Onlus” presentano il sito dell’artista Mario Colzi

\r\n

 www.mariocolzi.com a cura di Antonella Serafini

\r\n

  Sabato 27 Aprile alle ore 17:30

\r\n

\r\n

al Museo Ugo Guidi MUG  – via M. Civitali 33

\r\n

a seguire al Logos Hotel – Via Mazzini 153

\r\n

\r\nRealizzato come una mostra virtuale, il sito racconta attraverso 8 “sale” la ricerca dell’artista che, partendo dalla fascinazione futurista, approda all’astrazione.\r\n\r\nUn percorso compiuto in un decennio molto particolare della storia italiana, fra il 1968 e il 1978.\r\n\r\n\r\n\r\nMario Colzi nasce a Lucca il 28 aprile 1927.\r\n\r\nA dodici anni trascorre le sue giornate nello studio di Adolfo Balduini, pittore, incisore e scultore del legno, dove avviene la sua primissima formazione artistica.\r\n\r\nNegli anni 1947-48 si trasferisce a Milano per frequentare la Scuola di Nudo dell’Accademia di Belle Arti di Brera.\r\n\r\nNel frattempo prosegue l’attività politica che aveva intrapreso aderendo al Comitato di Liberazione Nazionale e nel 1949, quando assume l’incarico di responsabile dell’Ufficio Stampa e Propaganda della Camera Confederale del Lavoro di Lucca, essa prende il sopravvento su quella artistica. Dal 1954 al 1968 Colzi vive a Roma ricoprendo importanti incarichi in ambito sindacale (CGIL) e istituzionale.\r\n\r\nDurante il suo soggiorno romano Colzi visita mostre e musei, frequenta con assiduità alcuni salotti culturali fra cui anche quelli dei neorealisti ma le sue concezioni sull’arte, sebbene in quel periodo non ancora mature e ben focalizzate, lo rendono ben presto estraneo a quel tipo di dibattito. L’evento cruciale che lo convince a cambiare radicalmente vita per la pittura avviene nel 1967 durante un viaggio in America: nei musei di New York incontra il Futurismo e scopre in esso la sua matrice pittorica.\r\n\r\nUn anno dopo, nel 1968, lascia tutti gli incarichi politici e sindacali e si trasferisce a Viareggio.\r\n\r\nLa scelta, che senz’altro può apparire strana per un artista, di abbandonare la metropoli per la provincia, per Colzi significa andare verso luoghi nei quali ritiene di poter trovare ancora una autenticità di linguaggio, ma soprattutto una comunità di pittori che sperimenta senza manierismi di sorta.\r\n\r\nColzi ha tutto fuorché una mentalità localistica, le sue opere sono lì a dimostrarlo. Con la sua pittura cerca di percorrere una strada autentica e ritiene che la provincia, lontana dai clamori e dalle mode, al riparo da tentazioni di mercato e mondanità, debba favorire questa indagine.\r\n\r\nAllestisce la prima mostra personale nel 1969 alla Galleria Maitani di Orvieto presentato da Elio Mercuri, uno dei critici d’arte che seguirà più assiduamente la ricerca di Colzi. Nel 1970 torna a Roma in veste di pittore alla Galleria La Margherita, nel 1973 approda alla Gianferrari di Milano ma il successo più autentico, sia in termini di critica che di mercato, lo ottiene in Svizzera nel 1975.\r\n\r\nMuore improvvisamente il 4 dicembre 1978.\r\n\r\n \r\n

Nell’occasione saranno esposti alcuni quadri dell’artista nel giardino del Museo Ugo Guidi

\r\n

inoltre sarà visitabile la mostra in corso al MUG di

\r\n

Francesco Cremoni

\r\n

dal titolo

\r\n

“Trasparenze di un Sogno”

\r\n

\r\n

a cura di Enrica Frediani

\r\n \r\n\r\n \r\n

Mostra realizzata col contributo di Logos Hotel e la partecipazione della Banca Credito Cooperativo Versilia, Lunigiana e Garfagnana – Parco delle Apuane – Italia Nostra sez. Massa-Montignoso – Piccolo Teatro della Versilia – Fondazione Peccioliper.

\r\n

Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, Unione Europea, International Council Of Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Sistema Museale della Provincia di  Lucca, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco.

\r\n

Memoria fotografica di Antonio Raffaelli Presidente Ass. Versiliese Audiovisivi Didattici A.V.A.D.

\r\n

Partner: Città Infinite – Polo Istruzione Professionale “E.Barsanti” Massa e CarraraLiceo Artistico “S.Stagi” Pietrasanta -Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut – Acomus International – Galatea Versilia

\r\n

Media Partner: Arte in Toscana www.arteintoscana.it – Life Beyond Tourism – La Parola al Cittadino – La Parentesi della Scrittura – Reality Magazine

\r\n

GPS:    LAT:43.972477 N – LON:10.154887 E

\r\n

Fonte: Museo Ugo Guidi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here