Home Ambiente Emanata dal Ministero dell’Ambiente la prima direttiva per la conservazione della...

Emanata dal Ministero dell’Ambiente la prima direttiva per la conservazione della biodiversità nei parchi nazionali

81
SHARE

Legambiente: “un atto importante per la conservazione della natura e lo sviluppo sostenibile dei territori protetti”

\r\n \r\n

L’aspettavamo da 20 anni! La direttiva emanata dal Ministero dell’Ambiente rappresenta un fatto importante per il futuro delle aree protette italiane, poiché per la prima volta viene delineato un percorso chiaro per posizionare i Parchi nazionali al centro della strategia nazionale per la conservazione della natura. Un deciso cambio di passo per un Ministero che negli anni passati aveva troppo spesso lasciato al suo destino il sistema di aree protette e poco l’aveva valorizzato anche a livello internazionale.

\r\n

Con questo primo e significativo atto, il Ministero copre un vulnus che ha visto i Parchi operare in importanti azioni per la conservazione della natura senza un adeguato accompagnamento istituzionale, senza un confronto sulle scelte da attuare, con inevitabili sprechi di risorse pubbliche, o peggio, sottovalutando interventi al contrario necessari per salvare specie e habitat a rischio di estinzione.

\r\n

Apprezziamo, inoltre, il richiamo al metodo di condivisione sulle scelte contenute nella direttiva, e siamo sicuri che la gran parte dei Parchi saranno in grado di rispondere nei termini stabiliti alla sollecitazione del Ministero di presentare proposte unitarie e di sistema soprattutto per la conservazioni di specie prioritarie come l’orso, il lupo ed il camoscio nell’Appennino, o per la conservazione di habitat prioritari per promuovere la gestione forestale sostenibile nelle aree protette.

\r\n

Auspichiamo, infine, che a questa prima direttiva segua un analogo indirizzo per le aree marine protette per la conservazione della biodiversità marina e la tutela di specie come le tartarughe marine, e un accordo strategico con le Regioni per definire un comune lavoro per la conservazione della natura attraverso il rilancio delle politiche di sistema, attraverso una forte integrazione tra le aree protette regionali e nazionali, quelle della rete Natura 2000 nell’ottica di realizzare nel nostro Paese la rete ecologica nazionale.

\r\n

\r\n

Fonte: L’ufficio stampa di Legambiente Nazionale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here