Home Ambiente La felicità oltre la collina di Green Hill

La felicità oltre la collina di Green Hill

155
SHARE

Vengo via con te\r\nLa felicità oltre la collina di Green Hill\r\n\r\nLa storia commovente dei beagle scampati alla vivisezione ora è un libro\r\nA cura di Legambiente per Edizioni Altea\r\n\r\n“Quella di Green Hill è una bella favola che speriamo abbia davvero un lieto fine. Per il momento i risultati raggiunti sono molto soddisfacenti: i cani e le cucciolate nate in queste settimane sono liberi ed affidati a mani premurose, lontano dalle gabbie e dai tavoli delle sperimentazioni che li avrebbero condannati ad una vita peggiore della morte”.\r\nQuesta frase apre la premessa del presidente nazionale di Legambiente, Vittorio Cogliati Dezza, al libro fotografico Vengo via con te. La felicità oltre la collina di Green Hill, che illustra la nuova vita dei tantissimi beagle liberati questa estate dal canile lager di Montichiari e affidati a tante famiglie che, nonostante le difficoltà quotidiane e la crisi economica in corso, si sono mobilitate contro l’arroganza di una ricca multinazionale per far valere le ragioni del vivere civile e del benessere animale.\r\nCerto, questa storia non è finita: c’è una vicenda legale ancora completamente aperta e che ci vedrà contrapposti ad una grande multinazionale americana, ci sono migliaia di cani di cui prendersi cura, ci sono centinaia di famiglie affidatarie che vanno seguite e con le quali abbiamo stabilito un forte legame, c’è l’opinione pubblica che va tenuta informata e sensibilizzata.\r\nEppure, questo libro, con le bellissime immagini dei cani felici e teneri, coccolati dai loro nuovi amici, impegnati – finalmente – a rosicchiare oggetti o far capriole su un prato, testimonia il buon esito di una vicenda che ci ha visto protagonisti in difesa del più fedele amico dell’uomo, con la difficile missione di organizzare in tempi brevissimi la liberazione dal canile e la sistemazione migliore per oltre 2600 cagnolini destinati, nella migliore delle ipotesi, a vivere in gabbia, nel chiuso di un capannone di cemento, e nella peggiore (e più diffusa) a sperimentare sulla loro pelle gli effetti dell’orribile pratica della vivisezione.\r\n“L’esperienza vissuta questa estate – ha dichiarato Nino Morabito, responsabile nazionale fauna e benessere animale di Legambiente, alla presentazione romana del libro – è stata tanto bella quanto faticosa, emozionante e coinvolgente. Ha mobilitato tantissimi volontari: esperti cinofili, semplici amanti dei cani, veterinari e tante persone di tutte le età che grazie al loro aiuto, ci hanno permesso di visitare, curare e affidare tutti i cani liberati e avviati a nuova vita. E come ogni favola che si rispetti, oltre ad un primo bellissimo lieto fine, questa storia ci ha insegnato alcune cose fondamentali, tra cui il fatto che la legge italiana vieta ogni forma di maltrattamento sugli animali e sta a tutti noi essere vigili per aumentare una vera cultura di rispetto per gli animali”.\r\n\r\nPer Legambiente, inoltre, l’obbligo della sperimentazione animale ancora oggi imposto per legge per i farmaci, non solo produce sofferenza su altri esseri viventi ma rappresenta anche uno dei principali freni all’innovazione scientifica: quello che è stato definito il “miglior metodo” nella ricerca preclinica è stato infatti codificato quasi 200 anni fa, quando la tecnologia offriva ben altre condizioni e opportunità. Per questo Legambiente, in occasione della giornata mondiale dei diritti degli animali del 10 dicembre, chiede al Parlamento Europeo e al Parlamento Italiano di abolire l’anacronistico e generico obbligo di legge sulla sperimentazione animale in ogni ambito o settore.\r\n\r\n“Ma ancor di più, questa favola ha lasciato nel cuore di Legambiente e di milioni di italiani un’emozione enorme, prodotta da migliaia di timidi sguardi, brevi, fuggenti, fiduciosi e incancellabili, che hanno lanciato un solo messaggio: vengo via con te!”\r\n\r\nFonte: Legambiente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here