Home Ambiente WWF all’Europa: “4 mosse per non bucare l’obiettivo UE al 2050”

WWF all’Europa: “4 mosse per non bucare l’obiettivo UE al 2050”

180
SHARE

\r\n

\r\n

Presentato pochi giorni fa il report WWF “Ridurre le emissioni del settore energetico nel modo giusto” sulla roadmap energetica europea al 2050 

\r\n

\r\n

Il pronostico WWF: di questo passo l’Europa entro il 2050 rischia di ridurre le emissioni inquinanti solo del 40% anziché dell’85-90% come invece previsto dalla roadmap energetica UE

\r\n

News sul Clima: il 2012 potrebbe essere il nono anno più caldo mai registrato con una temperatura media globale di 14,45° C\r\n(fonte: Società Metereologica Mondiale) 

\r\n “Sul clima l’Unione Europea rischia di bucare l’obiettivo,  riducendo le emissioni inquinanti di appena il 40% anziché dell’85-90% entro il 2050, come invece previsto dalla roadmap energetica europea al 2050. Per rimettersi al passo con la propria tabella di marcia l’Unione Europea deve agire subito e dare priorità al risparmio energetico e alle energie rinnovabili rispetto alle fonti rischiose e dannose derivanti dai combustibili fossili e dall’energia nucleare”.  E’ l’allarmante pronostico lanciato dal nuovo rapporto del WWF sulla roadmap energetica europea al 2050, intitolato “Ridurre le emissioni del settore energetico nel modo giusto” e diffuso oggi, proprio mentre si svolge il vertice internazionale sui cambiamenti climatici, a Doha, in Qatar, e nel giorno in cui la Società Metereologica Mondiale ha annunciato che il 2012 potrebbe essere il nono anno più caldo mai registrato con una temperatura media globale di 14,45° C, più alta di 0,5° C di quella registrata dal 1961 al 1990.\r\n\r\nIl rapporto del WWF  “Ridurre le emissioni del settore energetico nel modo giusto”, basato sulla ricerca di CE Delft, valuta i 5 scenari di decarbonizzazione della Roadmap energetica 2050 della Commissione Europea (elevata efficienza energetica, tecnologie di approvvigionamento diversificate, alte fonti energetiche rinnovabili, cattura e stoccaggio del carbonio e bassa percentuale di nucleare) e mostra come essa considera solo una gamma relativamente ristretta di opzioni di decarbonizzazione, tutte con livelli quasi identici di energia rinnovabile entro il 2030, e una componente  residua significativa di combustibili fossili fino al 2050.\r\n\r\n“Le energie rinnovabili, pur giovani, si stanno affermando rapidamente e promettono ulteriori, positivi sviluppi.  Per contro, occorre smettere di contare sul nucleare e sulla cattura e stoccaggio del carbonio, un tentativo lodevole che però si sta dimostrando costoso e inefficace. La prospettiva a 40 anni chiarisce anche che mentre il gas ha un ruolo importante all’inizio, il suo uso deve poi diminuire fortemente nel corso del tempo, se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi sul clima e contribuire agli sforzi internazionali con un ruolo non secondario. Il report del WWF sulla UE riflette le conclusioni del dossier ‘Obiettivo 2050’ commissionato dal WWF Italia al REF-E per il nostro Paese, segno che c’è una tendenza europea che conviene a tutti”,  ha dichiarato Mariagrazia Midulla, Responsabile Policy Clima ed Energia del WWF Italia, che in questi giorni è a Doha per seguire i negoziati del vertice sui cambiamenti climatici.\r\n\r\nRIDURRE LE EMISSIONI INQUINANTI IN 4 MOSSE. Il rapporto del WWF dimostra anche che l’Unione Europea potrebbe trarre maggiori benefici da opzioni più ambiziose, come la riduzione del 95% delle emissioni  inquinanti, combinando alti standard di produzione di energia rinnovabile e risparmio energetico. In particolare lo studio WWF individua quattro lezioni chiave per il raggiungimento di una maggiore riduzione delle emissioni legate al comparto dell’energia, e riducendo così la minaccia del cambiamento climatico:\r\n\r\n \r\n\r\n1. Il risparmio energetico è il fattore chiave per la decarbonizzazione del sistema energetico;\r\n2. La finestra di opportunità per aumentare la produzione da fonti rinnovabili è aperta oggi, e va sfruttata;\r\n3. Le nuove infrastrutture elettriche devono aiutare lo sviluppo delle rinnovabili su scala europea, mentre quelle per il gas appaiono sovradimensionate;\r\n4. Puntare al 95% di decarbonizzazione sin dall’inizio vuol dire dettare le regole del gioco\r\n\r\nIL ‘CLIMA CHE CONVIENE’:  CON 100% RINNOVABILI ENTRO 2050 UN RISPARMIO DI 4MILA MLD DI EURO. La crescita vertiginosa del costo economico, sociale e ambientale del nostro attuale sistema energetico, nonché  la minaccia imminente di un disastro legato al cambiamento climatico, inverte l’onere della prova: sono le fonti diverse  dalle rinnovabili a dover giustificare il proprio utilizzo, non il contrario.\r\n\r\nI rischi inaccettabili del cambiamento climatico possono essere evitati solo se i paesi sviluppati riducono le loro emissioni di gas serra del 40% entro il 2020 e del 95% entro il 2050. Il raggiungimento di questo migliorerà la probabilità del riscaldamento di rimanere al di sotto di 2 ° C, e di tenere a portata di mano obiettivo del WWF di un 1,5 ° C max.\r\n\r\nLa visione del WWF di un mondo alimentato dal 100% di energie rinnovabili entro la metà di questo secolo è realizzabile. Anche se questo sforzo di transizione richiede investimenti significativi, il raggiungimento vorrebbe dire che permetterebbe di risparmiare a livello globale circa 4mila miliardi di euro l’anno entro il 2050 attraverso l’efficienza energetica e la riduzione dei costi del carburante rispetto a uno scenario del mantenimento dei sistemi produttivi  attuali.\r\n\r\n \r\n\r\nPer approfondimenti:\r\nConsulta il dossier  WWF ‘Obiettivo 2050’sulla roadmap energetica dell’Italia:\r\n\r\nhttp://wwf.it/UserFiles/File/News%20Dossier%20Appti/DOSSIER/Clima/OBIETTIVO2050_ReportWWF.pdf\r\n\r\n Fonte: WWF Italia\r\n\r\n\r\n 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here