Home Musica LINO COSTA HYPNOTIC TRIO: “MINIANIMALI”

LINO COSTA HYPNOTIC TRIO: “MINIANIMALI”

99
SHARE

Il chitarrista Lino Costa, dopo anni dedicati alla musica pop (ha appena concluso la sua decennale esperienza con la band “Tinturia”), rispolvera il suo progetto HYPNOTIC TRIO ritornando ad una espressione artistica più vicina al mondo del jazz. Ecco come nasce l’album d’esordio del LINO COSTA HYPNOTIC TRIO, dal titolo  “MINIANIMALI”, in uscita domani per la neonata etichetta discografica 4MIQE. Il disco verrà presentato in occasione del concerto che LINO COSTA terrà venerdì 14 ad Agrigento (Caffetteria degli Arcosoli, all’interno della Collina dei Templi, ore 21.00).\r\n\r\nLa band composta da Lino Costa (chitarra), Domenico Caciatore (basso) e Roberto Pistolesi (batteria) – nei due concerti di Palermo e Agrigento verrà sostituito da Dario Carnovale, presenterà in anteprima i brani del nuovo album “MINIANIMALI” in occasione del CASTELLAMMARE JAZZ FESTIVAL il 18 luglio (Castellammare del Golfo – TP), durante l’esibizione di apertura al concerto di GOLDBERG/KLEIN “BIENESTAN”. \r\n\r\nLe composizioni di LINO COSTA, scritte tra il 1998 e il 2011, riflettono stilisticamente il suo percorso musicale. Si va dalle ambientazioni sperimentali a quelle ricche di groove, passando anche dallo swing e cercando di non perdere mai di vista la melodia e il coinvolgimento sonoro dell’ascoltatore. È accompagnato da una sezione ritmica d’eccezione. Al basso, Domenico Cacciatore, vincitore nel 2005 del premio internazionale Euro Bass Day. Alla batteria Roberto Pistolesi che conta tra le sue collaborazioni il sassofonista Stefano Di Battista. I tre fanno parte  inoltre della band del cantautore siciliano Ivan Segreto.\r\n\r\n“Minianimali potrebbe definirsi  una raccolta di brani da me composti nel corso di 20 anni di attività musicale –  racconta Lino Costa – La scintilla che ha fatto accendere in me il desiderio di incidere è stato l’incontro con i due musicisti che hanno suonato  nel disco: Domenico Cacciatore al basso e Roberto Pistolesi alla batteria. Senza una sezione ritmica così solida, creativa e versatile non avrei mai potuto realizzare un lavoro, a mio avviso, così convincente”.\r\n\r\n“ Le tracce dell’album sono intrise delle mie svariate esperienze musicali . Sono evidenti le impronte lasciate dallo studio dei grandi maestri del jazz, dall’esperienza di musica improvvisata negli ultimi anni novanta all’interno del Collettivo Bassesfere di Bologna  – prosegue Lino -, e dalla militanza decennale nella band Tinturia, che è stata per me una vera e propria palestra di groove. Importante la presenza nel disco di alcuni dei miei amici musicisti che, con il loro contributo, ne hanno arricchito la sonorità:  i sassofonisti Gianni Gebbia , Stefano D’Anna  e Gianpiero Risico ed il pianista Mauro Schiavone”.\r\n\r\nDi seguito un estratto delle note di copertina firmate da OLIVIA SELLERIO: “In molte lingue la musica si gioca, come qui in Minianimali, che sa evocare le movenze di una danza africana e l’energia irripetibile del rock; dove una eco di corde del mediterraneo incontra poliritmie del vicino oriente, e la leggerezza caraibica del reggae la perfetta malinconia di un tango, sempre in accordo con la prassi di un’improvvisazione vitale e mai pretestuosa  […] Scriverei come forse il pulsare del ritmo, il jazz, la ricerca della melodia, il melting pot, qui nella versione di Lino, siano una possibile chiave di lettura della musica del secolo che da poco è iniziato”. [Olivia Sellerio]\r\n\r\nQuesta la tracklist“Chimera”;  “Orange trip”;  “Duke my dog”; “Insonnia”; “Two world dance”;  “Oud “; “The elephant jump”; “Blues for g.c.”; “Minianimali”; “Tangolino”.\r\n\r\nFonte: Gabriele Lo Piccolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here