Home Ambiente Campagna WWF: Salviamo il profilo fragile dell’Italia

Campagna WWF: Salviamo il profilo fragile dell’Italia

179
SHARE

Al via la nuova campagna WWF per tutelare tre preziosi tratti di costa in Sardegna, Veneto e Puglia, minacciate dal degrado, dal bracconaggio e da un uso sconsiderato del territorio e del mare.\r\n\r\n \r\n\r\nFINO AL 20 MAGGIO SI DONA AL 45503*\r\n\r\nDOSSIER PROFILO FRAGILE: Su quasi ottomila chilometri di coste, solo il 30% rimasto allo stato naturale. Il 50% dei litorali compromesso, il 42% colpito da erosione costiera, l’80% delle dune scomparso. Abita sulle coste il 60% degli italiani, con una densità media quasi doppia rispetto all’entroterra\r\n\r\n \r\n\r\nSOTTO IL SEGNO DEL FRATINO! nati in questi giorni su una spiaggia dell’Abruzzo i primi pulcini di questa rara specie delle spiagge, simbolo della vita possibile su un litorale in salute e rispettato.\r\n\r\nE il 20 MAGGIO la “Festa delle Oasi WWF” nelle aree protette del Panda in tutta ItaliaUn profilo fragile lungo quasi 8.000 chilometri di litorali, ‘sommersi’ da un’ondata di pressioni e minacce – erosione costiera, degrado, cementificazione selvaggia, inquinamento da terra e dal mare – che nell’ultimo secolo ha già travolto e fatto sparire per sempre l’80% delle dune, eroso il 42% dei litorali sabbiosi e compromesso più del 50% delle nostre coste, interessate e spesso deturpate da agglomerati urbani, strade, porti, industrie e stabilimenti balneari, che accolgono 638 comuni costieri e quasi 18 milioni di persone (30 milioni considerando la fascia dell’immediato entroterra, ovvero più della metà degli italiani), con una densità quasi doppia rispetto alla media nazionale (380 abitanti per kmq contro 200), tanto che oggi meno del 30% dei nostri litorali è rimasto allo stato naturale. È la fotografia scattata dal nuovo dossier “Coste: Il profilo fragile dell’Italia” diffuso a partire da oggi dal WWF, che quest’anno dedica alla tutela del mare e delle coste la Festa delle Oasi 2012 (il 20 maggio in tutta Italia). E dopo il successo dell’edizione 2011 che ha permesso di salvare due nuovi boschi, il WWF lancia la nuova campagna “Un mare di oasi per te”, una ‘sfida blu’ che nelle prossime tre settimane chiede l’aiuto degli italiani per proteggere tre preziose aree costiere in Sardegna, Puglia e Veneto, e trasformare questi delicati ecosistemi al confine tra la terra e il mare in nuovi baluardi di natura protetta che tutti potranno conoscere e frequentare. Dal 29 aprile al 20 maggio tutti potranno partecipare a questa nuova mobilitazione per la natura italiana, inviando un sms o chiamando il 45503 oppure recandosi presso le filiali e gli sportelli automatici (ATM) Unicredit di tutta Italia (dal 14 al 27 maggio) – dettagli della raccolta fondi in coda*.\r\n\r\n \r\n\r\nUna campagna che nasce “sotto il segno del fratino”, con le emozionanti immagini dei primi pulcini di questo piccolo e raro uccello che nidifica sulle spiagge, nati proprio in questi giorni lungo la costa di Martinsicuro (Teramo) in Abruzzo, un simbolo della meraviglia di natura che può vivere su un litorale in salute e rispettato.\r\n\r\nNelle prossime tre settimane, il WWF racconterà lo stato dei nostri litorali attraverso approfondimenti, inchieste e iniziative speciali, e inviterà gli italiani a dare il proprio aiuto per realizzare il triplice obiettivo della Campagna 2012: Dare vita alla nuova Oasi WWF Scivu ad Arbus, in Sardegna, un vero paradiso di dune alte sabbiose e fitta macchia mediterranea, detta ‘parlante’ perché battuta dal vento di maestrale, dove si incontra il cervo sardo, ma anche minacce come il taglio dei ginepri secolari o il passaggio di fuoristrada. Bonificare la bellissima spiaggia che costeggia la Riserva naturale e Oasi WWF Le Cesine, nel Salento, in Puglia, dove i rifiuti portati dal mare e mai rimossi hanno creato strati di plastica con gravi danni alla vegetazione e agli animali. Riforestare e riqualificare le zone umide dell’Oasi WWF Golena di Panarella, in Veneto, un paradiso di biodiversità alle porte del Delta del Po, che d’inverno ospita fino a 130-140.000 uccelli e che per questo è meta ambita dai bracconieri. Tre aree che sono il simbolo delle tre tipologie di coste più importanti e allo stesso tempo più fragili: le dune, le zone umide e le foci dei fiumi, fondamentali sia per il loro valore di biodiversità e bellezza, sia per la nostra sicurezza perché rappresentano veri e propri cuscinetti, determinanti nel caso dell’innalzamento del mare conseguente ai cambiamenti climatici.\r\n\r\n“I pochi chilometri di coste italiane che sono sopravvissuti alla mano dell’uomo conservano fragili ecosistemi di dune, spiagge, delta fluviali e boschi costieri popolati da migliaia di specie animali e vegetali, come fenicotteri, fratini, volpi, anfibi e tartarughe marine – ha detto Fulco Pratesi, presidente onorario del WWF Italia – Ma senza una quotidiana azione di tutela questi preziosi ritagli di natura rischiano di soccombere a un utilizzo sempre più sconsiderato del territorio e del mare. Per questo, memori della grande mobilitazione che l’anno scorso ci ha consentito di salvare due nuovi boschi, ci appelliamo alla generosità degli italiani e al loro amore per il mare e la natura, per coinvolgerli in un nuovo ambizioso progetto di tutela che con l’aiuto di tutti potrà dare nuova vita a tre bellissime aree tra terra e mare, vitali, protette e aperte alla fruizione di tutti.”\r\n\r\n \r\n\r\nAnche quest’anno testimonial della campagna è Luca Argentero che ha voluto confermare il suo impegno accanto al WWF girando un suggestivo spot ambientato in riva al mare. E tra gli altri aiuteranno a diffondere l’iniziativa anche Fiorello, Neri Marcorè, Massimiliano Rosolino e Francesco Facchinetti che hanno prestato la loro immagine al progetto.\r\n\r\nE il 20 maggio tutti invitati alla grande Festa delle Oasi WWF, gli oltre 100 paradisi di natura protetti dall’Associazione del Panda in tutta Italia, che saranno aperte gratuitamente al pubblico con iniziative speciali per tutte le età, insieme a 10 Riserve del Corpo Forestale dello Stato che quest’anno partecipa alla festa. Tutti i programmi nelle prossime settimane su www.wwf.it\r\n\r\n \r\n\r\nCOSTE ‘PROFILO FRAGILE’. SPUNTI DAL DOSSIER (versione integrale su www.wwf.it)\r\n\r\n \r\n\r\nLE ‘AMATE SPONDE’\r\n\r\nDalla costiera amalfitana alle spiagge di Budelli, dalle lagune costiere alle saline, dalle dune del Circeo a Portofino, dalle falesie del Gargano ai lungomari dell’Adriatico fino al ‘letterario’ sentiero Rilke a strapiombo lungo la baia di Sistiana vicino Trieste, dedicato al poeta austriaco: il profilo della nostra penisola è parte integrante dell’immaginario collettivo mondiale. Questi ambienti di passaggio fra terra emersa e mare hanno condizioni ambientali difficili come i forti venti salmastri, l’aridità e la salinità delle falde sottostanti fino alla mancanza di humus: questo però ha consentito a centinaia di organismi di adattarsi rendendo così le nostre coste ambienti ricchi di biodiversità ma al tempo stesso tra i più minacciati insieme alle zone umide. Le spiagge naturali sono rifugio per centinaia di specie dagli uccelli alle tartarughe marine, cordoni sabbiosi fioriti di gigli di mare e santoline che proteggono dalla forza dei venti e della salsedine la macchia e i boschi retrostanti. La ricchezza delle coste è uno degli elementi di qualità dell’Ecoregione Mediterranea, una delle aree prioritarie globali indicate dal WWF. Il nostro è però un profilo diffusamente deturpato e estremamente fragile un bene pubblico di primaria importanza sia per la biodiversità che custodisce che per la ricchezza culturale/paesaggistica che rappresenta. Le coste sono anche quel confine sensibile agli effetti dei fenomeni legati ai mutamenti climatici, come l’intensificazione delle mareggiate e l’innalzamento dei mari. Ma se in buono stato, come le spiagge ancora ricche di dune sabbiose integre, possono costituire bastioni naturali capaci di contrastare questi effetti. La loro difesa, dunque, è prioritaria e riguarda tutti.\r\n\r\n \r\n\r\nEROSIONE COSTIERA: COSI’ SI SGRETOLA LA SILHOUETTE D’ITALIA. Negli ultimi anni l’erosione costiera si è ‘mangiata’ oltre il 42% dei litorali italiani (CNR-2006), un fenomeno in atto anche a livello globale che secondo le stime riguarda fino all’80% delle spiagge del mondo e che in Italia travolge oltre 1600 km di costa (per la maggior parte tra le spiagge adatte alla balneabilità), con picchi allarmanti in alcune regioni. In Molise, che ha appena 35 km di costa, il 91% del litorale sabbioso è stato divorato dal mare, che ha risparmiato appena 2 chilometri di spiaggia. In Puglia è in erosione il 65% delle coste balneabili (pari al 22% dell’intero sistema costiero), in Abruzzo il 61%, nel Lazio ben 117 chilometri ovvero il 20% della costa regionale e il 54% di quelle balneabili, nelle Marche 78 km di costa, in Calabria 300 km (43%) e in Liguria il 33%. I valori più bassi in Emilia Romagna (25%), Veneto (18%), e Friuli (13%).\r\n\r\n \r\n\r\nTra le cause dell’erosione costiera, il prelievo di ghiaie e materiali inerti dal letto dei fiumi, veri e propri nastri trasportatori di sedimenti che, in una situazione di equilibrio, fanno rinascere ‘naturalmente’ le spiagge; l’incremento di porti e porticcioli, aumentati tra il 2007 e il 2011 di oltre il 7,6% (Osservatorio nautico nazionale 2012); la concentrazione di stabilimenti balneari, che, oltre a livello infrastrutturale, contribuiscono a danni anche più impattanti sull’ambiente a causa degli interventi di pulizia meccanica degli arenili che disgregano la compattezza della sabbia esponendola maggiormente al vento ed mare, interrompono la progressione delle dune, determinano una variazione delle pendenze e la rimozione delle foglie di posidonia spiaggiata, ‘barriera’ naturale contro l’azione erosiva del mare.\r\n\r\nIL ‘PESO’ DEMOGRAFICO. Oggi in Italia il 60% della popolazione vive sulla fascia costiera e le grandi città costiere rappresentano circa il 24% della popolazione, mentre sono 638, cioè appena l’8%, i comuni italiani distribuiti lungo la costa. In queste località risiedono poco meno di 18 milioni di abitanti, circa il 30% della popolazione nazionale, ma arrivano a 30 milioni, oltre la metà della popolazione italiana, se si considera la fascia dell’immediato entroterra. Nei comuni litoranei la densità della popolazione è oltre i 380 abitanti per kmq, rispetto alla media nazionale di 200 abitanti per kmq. L’incremento durante la stagione turistica accentua tutti i problemi connessi a questa realtà abitativa.\r\n\r\n \r\n\r\n‘FERITE INQUINATE’: IL PESO DELLE INDUSTRIE\r\n\r\nNegli anni 50-60, molte industrie ad alto impatto ambientale si sono insediate lungo le coste portando vere e proprie modifiche del territorio e conseguentemente del paesaggio e dell’ambiente. Da Marghera vicino Venezia e Priolo presso Siracusa, industrie chimiche-petrolifere, siderurgiche e manifatturiere di vario tipo hanno trovato spesso la loro sede su spiagge che erano incontaminate nei pressi di luoghi storici o naturalistici di immenso valore. Oggi paghiamo ancora gli errori del passato tanto che delle 57 aree di bonifica industriale considerate con decreto del ministro dell’Ambiente come “di interesse nazionale” ben 28 sono situate lungo le coste e coinvolgono decine di migliaia di ettari sia a terra che a mare.\r\n\r\nLA SPIAGGIA È ‘MOBILE’. Secondo alcune stime sull’innalzamento del livello medio globale dei mari fatte dal Quarto rapporto di valutazione dell’IPCC (2007), dal 1961 al 2003 il livello medio globale dei mari è cresciuto mediamente di 1,8 mm ogni anno con punte nel periodo 1993-2003 di circa 3.1 mm l’anno. Gli scenari previsti a livello globale prevedono un range di innalzamento entro il 2100 tra 75 e 190 centimetri. Un fenomeno accelerato dalla cosiddetta subsidenza (abbassamento della faglia terrestre) che provoca anch’essa un arretramento della linea di costa.\r\n\r\nI 9 ‘VOLTI’ DEL PROFILO FRAGILE DELL’ITALIA: Sono 9 le tipologie di paesaggi costieri in Italia che, nell’ambito dell’Ecoregione Mediterraneo Centrale, fanno da ponte tra il continente africano e l’Europa per fauna e flora, di cui molti esemplari sono stati protetti grazie alle Oasi WWF. 1. ‘Paesaggio lagunare’ (lagune costiere dell’Alto Adriatico e Laguna di Venezia). 2. ‘Paesaggio ligure, al primo posto tra le regioni italiane per ricchezza di flora. 3. ‘Paesaggio pontino’, completamente pianeggiante con una fascia dunale costiera (bosco planiziale del Parco Nazionale del Circeo, uno dei lembi rimasti delle antiche selve costiere). 4.‘Paesaggio litorale tirrenico’: fascia litorale del versante occidentale della Penisola (Maremma, Lazio, Campania, Basilicata e Calabria), caratterizzato da sistemi dunali e stagni costieri che si alternano a coste alte e rocciose, promontori e baie, dall’Argentario al Circeo. 5. ‘Paesaggio costiero adriatico’, paesaggio collinare recente con assenza di coste alte e insenature, fatta eccezione del Conero. 6. ‘Paesaggio garganico’, esteso tavolato calcareo che si sviluppa a quote tra i 600 e 800 m s.l.m. e degrada con ripide scarpate. 7. Paesaggio delle Murge e Salento: tavolato calcareo che costituisce la Puglia. 8. Paesaggio delle coste siciliane e piccole isole, caratterizzato da specie che sopportano temperature elevate e periodi di aridità. 9. Paesaggio sardo litorale, per lo più a falesia, ma non mancano esempi di dune costiere imponenti (Dune di Piscinas).\r\n\r\n \r\n\r\nE poi, l’identikit delle specie costiere, il decalogo per salvare le dune, l’“invenzione” del mare e della balneazione…\r\n\r\nASPETTANDO IL 20 MAGGIO: LE INIZIATIVE SPECIALIAnche Coin ha risposto all’appello del WWF per la tutela delle nostre coste e dei nostri mari. Dal 10 maggio prende il via la campagna di sensibilizzazione per il Mediterraneo “A sea of love, a sea of life”, che dedica al Mediterraneo e all’Oasi di Scivu le vetrine dei negozi di tutta Italia, un braccialetto e una limited edition di slogan T-Shirt in cotone organico per lei (“A sea of love a sea of life”) e per lui (“Saving Environment Action”). Il ricavato della vendita sarà devoluto al WWF.\r\n\r\nPer tutto il periodo della campagna, ogni week-end nei menù degli store IKEA di tutta Italia si potranno scegliere i primi piatti realizzati con i prodotti biologici “Terre dell’Oasi”, coltivati proprio nelle Oasi WWF, un progetto di conservazione promosso dall’Associazione e da Legacoop per difendere la biodiversità e i paesaggi agrari grazie a un’agricoltura naturale e sostenibile. Special guest e mascotte della Festa Oasi sarà LORAX, il super baffuto e battagliero guardiano degli alberi che lotta per proteggere la Natura, nel nuovo cartone animato in 3D distribuito da Universal, tratto dall’omonimo libro del Dr. Seuss, e in uscita nelle sale italiane a partire dal 1 giugno, che sostiene il progetto Oasi. Ma sono tante le iniziative speciali che aiuteranno il WWF a raccontare e proteggere le Oasi, come il libro-dvd “Le favole dei cinque elementi”, brevi racconti che rappresentano i cinque elementi: acqua, aria, terra, fuoco e il ‘quinto elemento’, illustrati dalla disegnatrice Iole Rosa e letti da volti noti dello spettacolo e della musica, tra cui Elisa, Fiorello, Giorgia, Neri Marcorè, Aldo Giovanni e Giacomo. E il progetto Radiobici 020, l’originale bicinchiesta in tandem che sta facendo un giro d’Italia lungo le coste alla ricerca di buone notizie e che dal 29 aprile sosterrà la campagna WWF.\r\n\r\n \r\n\r\nI PARTNER\r\n\r\nMain partner della festa Oasi si conferma UniCredit che ha deciso di rafforzare il proprio supporto alle attività di raccolta fondi WWF per Giornata Oasi non solo attraverso gli sportelli automatici (ATM) in tutta Italia, ma anche attraverso le filiale dal 14 al 26 maggio, il canale web “Il mio dono” e il sito UniCredit. E anche quest’anno Auchan conferma il proprio sostegno alle Oasi WWF, e in occasione della Festa del 20 maggio lancia la terza “special edition” delle shopper milleusi Auchan-WWF con i disegni di Fulco Pratesi, quest’anno dedicate al Tucano e al Giaguaro, specie tipiche del Brasile, in omaggio alla Conferenza mondiale sullo sviluppo sostenibile che si terrà a Rio de Janeiro nel mese di giugno.\r\n\r\n \r\n\r\n*UN MARE DI SMS! ECCO I DETTAGLI: Dal 29 aprile al 20 maggio tutti possono dare il proprio contribuito: MANDANDO UN SMS DI 2 EURO AL NUMERO 45503 da cellulari TIM, Vodafone, WIND, 3, PosteMobile, CoopVoce, Tiscali e Noverca, o chiamando lo stesso numero da rete fissa Teletu; DONANDO 2 o 5 euro con chiamate da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb e Tiscali. Sarà inoltre possibile donare su tutti gli sportelli automatici (ATM) UniCredit dal 14 maggio al 27 maggio o presso le filiali UniCredit dal 14 maggio al 26 maggio. I fondi raccolti saranno utilizzati per prendere in gestione la nuova area di Scivu ad Arbus e per avviare le azioni di tutela presso la spiaggia delle Cesine in Puglia, e di Golena di Panarella in Veneto.\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa WWF

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here