Home Eventi e News Zitti e Mosca fa tappa a Prato

Zitti e Mosca fa tappa a Prato

87
SHARE

IL FILM DI ALESSANDRO BENVENUTI IN UN LIBRO SCRITTO IN OCCASIONE DEL VENTENNALE DA PHILIPPE CHELLINI ed ENRICO ZOI\r\n\r\n \r\n\r\nPrato – Martedì 27 marzo 2012, alle ore 21.15, al Cinema Terminale di Prato (Via Carbonaia 31) sarà presentato il libro “Zitti e Mosca. Il film di Alessandro Benvenuti 20 anni dopo”, di Philippe Chellini ed Enrico Zoi, edito da Romano Editore.\r\n\r\nAlla serata interverranno alcuni dei numerosi attori che hanno fatto parte dello storico cast del film, oltre ai due autori Philippe Chellini ed Enrico Zoi.\r\n\r\nAd introdurre la serata, gli ospiti e gli autori il giornalista Federico Berti.\r\n\r\n \r\n\r\nCon questo libro gli autori continuano il percorso esplorativo nel cinema di Alessandro Benvenuti (iniziato con il volume “Bentornati in Casa Gori . Storie, personaggi e attori del film di Alessandro Benvenuti”, edito da NTE Edizioni alla fine del 2010).\r\n\r\nIl libro su ‘Zitti e Mosca’ di Alessandro Benvenuti nasce da un progetto del Comune di Bagno a Ripoli, e della Romano Editore, tra i cui scopi c’è quello di concentrare l’attenzione sulle Gualchiere di Remole attraverso il ventennale (1991-2011) di un film ancora di grande attualità e spessore che, fra gli altri pregi, ebbe quello di sceglierle come una delle sue location.\r\n\r\nIl libro segue il percorso del film che racconta, con qualità ed inventiva, un passaggio storico importante dell’Italia contemporanea, la trasformazione del Pci in Pds, che gli autori, Philippe Chellini ed Enrico Zoi, hanno voluto inserire in un contesto di evoluzione generale dei partiti della Prima Repubblica arricchendo l’opera con le testimonianze di illustri storici, quali Franco Cardini e Tommaso Detti.\r\n\r\nRileggere oggi il film attraverso il libro permette di concentrare l’attenzione su elementi che solo gli anni trascorsi si aprono a critici e lettori: il non facile passaggio politico, le difficoltà, i sogni o le amarezze delle diverse età della vita.\r\n\r\nIl travaglio del passaggio di rinascita politica dal Pci alla nascita del Pds è raccontato da Benvenuti e dal suo maestro Ugo Chiti attraverso i volti, le battute, i pregi e i difetti della ben conosciuta realtà toscana.\r\n\r\nUn film “toscano” quindi ma, come dicono gli autori nell’introduzione, un aggettivo “non piegato a definire, limitare, banalizzare l’ambito espressivo anche di una pellicola come “Zitti e mosca”, giudicata talora un bozzetto o una serie di bozzetti resi più accattivanti da quell’accento regionale che, fuori dal granducato, fa in genere tanta simpatia.”\r\n\r\nUn “toscano” di accezione positiva, come suggeriscono ancora gli autori, “di Dante Alighieri, Francesco Petrarca, Carlo Lorenzini o Mario Luzi” senza sottovalutare che Alessandro Manzoni venne a risciacquare la suo italiano in Arno e non nel Tevere o nel Po.\r\n\r\n \r\n\r\nMartedì 27 marzo, ore 21.15\r\n\r\nCinema Terminale, Prato\r\n\r\n“Zitti e Mosca. Il film di Alessandro Benvenuti\r\n\r\n20 anni dopo”\r\n\r\ndi Philippe Chellini ed Enrico Zoi\r\n\r\nRomano Editore\r\n\r\n\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\nA SEGUIRE PROIEZIONE DEL FILM\r\n\r\n \r\n\r\nPer informazioni ed interviste agli autori:\r\n\r\nUfficio Stampa Romano Editore\r\n\r\nRoberta Capanni – Sara Missorini\r\n\r\n366 8118545 – 338.6057301\r\n\r\nrobertacapanni.press@gmail.com – press@romanoeditore.it\r\n\r\n \r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa Romano Editore\r\n\r\n \r\n\r\n 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here