Home Interviste A spasso con Alessandra Cazzola

A spasso con Alessandra Cazzola

156
SHARE

Si chiama Nordic Walking… cerchiamo di saperne di più incontrando chi lo pratica, lo ama e lo insegna.\r\n\r\nIn un momento dove tutto va di fretta e il tempo è un lusso quanto è necessario praticare il NW per avere dei benefici?\r\nIn questo caso è opportuno valutare cosa si vuole ottenere con il Nordic Walking e l’obiettivo principale è quello di passare fuori casa un po’ di tempo, trascorrere una giornata all’aria aperta, facendo un’attività salutare e poco dispendiosa, condividendo piacevoli momenti con un po’ di persone che come te amano camminare, è sufficiente dedicarsi al Nordic anche solo nei week end o saltuariamente quando l’organizzazione generale delle nostre settimane ce lo consente.\r\nSe al contrario miriamo a fare un’attività un po’ più allenante, con la quale magari perdere un po’ di peso e migliorare il nostro stato fisico, ma senza stress di agonismo, è necessaria una frequenza un po’ più costante (circa 2 o 3 volte a settimana), prolungando l’uscita per un tempo sufficientemente lungo (40 minuti minimo) che permetta che venga messo in moto nel nostro organismo il metabolismo dei grassi.\r\n\r\nIn entrambi i casi – ricerca di momenti socializzanti e salutari all’aria aperta o di attività per il miglioramento dello stato fisico – il Nordic Walking è l’attività che fa per voi: con poco tempo a disposizione si riesce a fare molto, basta uscire di casa e via subito in movimento con tutto il corpo!\r\n\r\nCosa serve, praticamente, per praticarlo?\r\nL’unico vero strumento essenziale per praticare il Nordic Walking è la coppia di bastoncini che si distinguono da quelli da sci o da trekking perché sono dotati di un apposito guantino (studiato espressamente per la pratica del Nordic) che permette una conduzione precisa dei bastoncini con una salda (senza troppa forza) impugnatura in avanti e un’apertura della mano nel movimento completo di spinta dietro. Il materiale di costruzione passa dal carbonio alla fibra di vetro (alcuni sono fatti in alluminio, ma sconsiglio l’uso di questi modelli perché il materiale trasmette maggiori vibrazioni alle articolazioni) e si trovano sia costituiti da un unico pezzo, che telescopici allungabili.\r\n\r\nNaturalmente il costo varia (anche sensibilmente!) a seconda del tipo che si sceglie. Solitamente i nostri istruttori durante le loro attività forniscono i bastoncini ai propri camminatori, ma per chi vuole acquistarli il consiglio che sono solita dare è quello di scegliere (magari dopo aver provato qualche modello e aver capito se il Nordic Walking vi piaccia o meno) un buon bastoncino con un’alta percentuale di fibra di carbonio … resistente alle sollecitazioni e al contempo molto leggero.\r\n\r\nIn una prima fase come abbigliamento può bastare quello normalmente utilizzato per il jogging; anche le scarpe possono essere utilizzate quelle da ginnastica o da jogging: se si va a camminare su terreni non particolarmente sconnessi od impegnativi sono adatte calzature pensate ad hoc per il walking che supportano bene la rullata del piede; lungo i percorsi in montagna è invece consigliabile usare apposite scarpe da Nordic Walking che presentano una suola più strutturata e sono solitamente rivestite in Goretex per proteggere il piede da umidità, fango o pioggia.\r\n\r\nDove si impara? Quanto costa? Si può fare da soli o meglio in compagnia?\r\nCome per tutte le attività sportive, al fine di ottenere il massimo dei benefici ed avere la massima efficienza dai movimenti, la tecnica diventa determinante. Il passo alternato (ovvero la coordinazione dei movimenti di braccio e gamba opposti) che è alla base di una qualsiasi camminata, se fatto correttamente, diventa un tutt’uno con la mente portando gli enormi benefici fisici e mentali di cui ho parlato prima. La Scuola Italiana Nordic Walking per l’acquisizione della tecnica corretta ha sviluppato una progressione didattica che prevede 5 fasi di apprendimento ed è consigliabile affidarsi ad istruttori qualificati per seguire – come primo passo – un corso base durante il quale l’allievo può provare direttamente i benefici di questa attività.\r\nDalla sua nascita nel 2009 ad oggi, la SINW ha formato ben più di 1200 istruttori in tutta Italia: andando sul sito www.scuolaitaliananordciwalking.it/istruttori-e-scuole/albo-istruttori è possibile accedere all’elenco di tutti gli istruttori suddivisi per regione.\r\n\r\nIntervista di Elena Torre

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here