Home Ambiente Legambiente aderisce alla manifestazione internazionale contro le nuove centrali

Legambiente aderisce alla manifestazione internazionale contro le nuove centrali

137
SHARE

Carbone Sabato 27 agosto ore 14.00 a Coira (Canton Grigioni) in Svizzera\r\n\r\nBarillà: “No al carbone a Saline Joniche e in tutta Europa, sì a un piano di sviluppo industriale moderno e pulito basato sulle fonti rinnovabili e efficienza energetica”\r\n\r\nLegambiente aderisce alla manifestazione di sabato 27 agosto a Coira nel Cantone dei Grigioni in Svizzera, per protestare contro l’intenzione della multinazionale dell’energia Repower, di costruire a Brunsbüttel (Germania del nord) e a Saline Joniche due centrali a carbone per un importo di 4.5 Miliardi di Euro, con una potenza di 3120 Megawatt.\r\n\r\n“Parteciperemo numerosi, con rappresentanti provenienti da tante parti d’Italia affinché sia chiaro che il nostro No al carbone riguarda Saline Joniche ma anche tutto il resto del Paese e dell’Europa – ha dichiarato il responsabile scientifico di Legambiente Stefano Ciafani -. Il carbone è il combustibile fossile a maggior emissione specifica di anidride carbonica. La centrale garantirà quindi solo importanti profitti alle aziende e nessun beneficio alla popolazione, già pesantemente danneggiata da politiche dissennate di gestione del territorio”.\r\n\r\nIl raggiungimento degli obiettivi sul clima unisce tutta l’Europa in una battaglia virtuosa determinante per il futuro, quindi, l’ipotesi di nuove centrali a carbone suona francamente incomprensibile.\r\n\r\n“Il carbone peggiorerà la dipendenza energetica del nostro Paese dall’estero visto che importiamo più del 99% del carbone che utilizziamo – ha aggiunto Nuccio Barillà del direttivo nazionale dell’associazione –; non abbasserà la bolletta energetica del Paese, mentre dei potenziali risparmi nell’acquisto del combustibile beneficeranno soprattutto i bilanci delle aziende energetiche, e obbligherà l’Italia al pagamento di multe pesanti per il mancato rispetto del protocollo Kioto e del 20-20-20. Una situazione assurda soprattutto in un territorio dove oltre il 57% della popolazione ha recentemente dimostrato, attraverso l’esito del referendum sul nucleare, di volere un futuro pulito e rinnovabile”.\r\n\r\nLa Calabria, come il resto d’Italia e d’Europa, ha bisogno di una nuova politica industriale basata esclusivamente sull’investimento deciso in innovazione tecnologica e fonti energetiche alternative e non su opere di grande impatto sull’ambiente e fallimentari sul piano economico e occupazionale. Nessuna centrale a fonti fossili inquinanti come il carbone, quindi, deve essere realizzata per permettere all’Italia di contribuire a costruire il modello energetico elettrico europeo al 2050 senza fonti fossili.\r\n\r\n“Per questo, sabato 27 saremo in tanti alla manifestazione organizzata dalle associazioni svizzere contro il carbone a Coira – ha concluso Barillà -, per sostenere le ragioni dell’ambiente e della salute dei cittadini calabresi, liguri, veneti, italiani ed europei”.\r\n\r\nFonte: ufficio stampa Legambiente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here