Home Arte Nel volo del colore. Il martin pescatore tra natura e arte

Nel volo del colore. Il martin pescatore tra natura e arte

60
SHARE

Un originale progetto artistico dedicato a uno degli uccelli del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, che Alessandro Tofanelli ha osservato a lungo per rappresentarne il carattere schivo e solitario.\r\n\r\nNell’Auditorium Enrico Caruso di Torre del Lago, fino al 31 agosto, 14 tele e una video installazione per conoscere il pescatore in livrea colorata del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli.\r\n\r\nTorre del Lago Puccini e i suoi incantevoli paesaggi, il lago Massaciuccoli e i suoi suggestivi scorci naturali sono stati fonte di ispirazione per tanti artisti. Così come Giacomo Puccini ha affrescato in musica le emozioni di colori, profumi e suoni della sua Torre del Lago, così Alessandro Tofanelli, pittore, fotografo e regista di livello internazionale, da sempre ha fatto dei paesaggi e della natura di Torre del Lago e del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli la principale fonte della sua ispirazione artistica.\r\n\r\nCon il progetto Nel volo del colore, il martin pescatore tra natura e arte, allestito nell’Auditorium del Gran Teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago, Alessandro Tofanelli ci fa conoscere uno dei tanti affascinanti abitanti del Parco. Il martin pescatore vive nelle zone umide ed è una specie di uccello che, per la sua livrea colorata e per l’abitudine a pescare i pesci sott’acqua, risulta di estremo interesse scientifico. Si tratta poi di un uccello difficile da osservare perché particolarmente schivo e solitario.\r\n\r\nL’evento è organizzato dalla Fondazione Festival Pucciniano, che ha accolto con vivo piacere la proposta artistica di Alessandro Tofanelli, condividendone anche l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’ambiente per creare maggiore consapevolezza e rispetto delle risorse naturali a nostra disposizione.\r\n\r\nCapofila del progetto è l’Ente Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli; alla sua realizzazione contribuiscono la Provincia di Lucca, il Comune di Viareggio, il Comune di Massarosa, il Comune di Pisa, il Comune di San Giuliano Terme, il Consorzio di bonifica Versilia – Massaciuccoli.\r\n\r\nUn progetto assolutamente originale quello ideato da Alessandro Tofanelli, che affianca a quattordici dipinti una video installazione.\r\n\r\nMostra di pittura – La mostra di pittura trova il suo punto di partenza nell’osservazione e nella rielaborazione di alcune immagini presenti nella video installazione. In esse si coglie infatti l’attimo in cui il martin pescatore si modifica completamente, assumendo forme diverse e indefinite, ossia quando si tuffa sott’acqua. In quel momento il corpo dell’uccello si dilata oppure si allunga prendendo le sembianze di una freccia scagliata ad altissima velocità. La ripresa a otturatore variabile fissa gli attimi che intercorrono tra l’ingresso in acqua, il colpire la preda (che talvolta viene mancata) e lo sforzo per riemergere nuotando e lo spiccare il volo verso un ramo. Durante questo periodo, che dura poche frazioni di secondo, il martin pescatore si trasforma in un’entità sconosciuta ed è questo il momento in cui si è deciso di intervenire manipolando l’immagine con un intervento pittorico. Si sono perciò isolati alcuni fotogrammi per intervenire con una serie di applicazioni di ricostruzione visiva fino a trasferirli su una tela di 100×100 cm dove è stato eseguito l’intervento pittorico finale.\r\n\r\nInstallazione multimediale – Le riprese dalle quali hanno origine i video dell’installazione multimediale, che prevede la proiezione delle immagini in contemporanea su tre schermi, sono state compiute nelle zone umide dove è presente il martin pescatore. La proiezione simultanea dei video su tre diversi schermi, supportata dall’audio che riproduce i rumori di fondo, crea l’effetto di trovarsi al centro del mondo del martin pescatore, del quale si possono anticipare e / o seguire i movimenti e le azioni proprio attraverso le immagini e i suoni. Lo spettatore di questa installazione si troverà al centro dello spazio nel quale vengono riprodotte le immagini e i suoni, che per la loro natura assumeranno anche un particolare aspetto artistico e spettacolare.\r\n\r\nAlessandro TOFANELLI\r\n\r\nAlessandro Tofanelli è nato a Viareggio il 10 aprile 1959 e si è diplomato presso l’Istituto d’arte di Lucca. Dal 1977 al 1980 ha soggiornato a Milano, frequentando l’Accademia di Brera. Vincitore di numerosi premi di pittura, le sue opere sono state e sono tuttora esposte in molte gallerie d’arte italiane e straniere e fanno parte di importanti collezioni private e pubbliche, nazionali e internazionali.\r\n\r\nAlessandro Tofanelli ha da sempre abbinato all’attività pittorica quella di fotografo e video documentarista professionista. Numerosi sono i suoi lavori video trasmessi dalle reti RAI, così come i suoi servizi fotografici sono stati ospitati in pubblicazioni specializzate.
Nel 2005 è uscito il suo primo lungometraggio come regista, “Contronatura”, che ha vinto il Premio speciale della giuria al Festival di Viareggio Europacinema nel 2005 e il Festival NICE a New York e San Francisco nel 2005-2006.\r\n\r\nFonte: Daniela Lucatelli\r\n\r\nFoto: Sergio Paolini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here