Home Ambiente Nei piccoli borghi della qualità e del buon vivere: l’8 maggio torna...

Nei piccoli borghi della qualità e del buon vivere: l’8 maggio torna Voler bene all’Italia

66
SHARE

Appuntamento clou a Pollica (Sa), per il Premio Angelo Vassallo che sarà consegnato al Sindaco di Burgio (Ag) per il rilancio ambientale ed economico del piccolo borgo e le battaglie ambientaliste.\r\n\r\nAndrà al piccolo comune di Burgio, in provincia di Agrigento, il Premio Angelo Vassallo dedicato agli amministratori dei piccoli comuni italiani che più di altri abbiano saputo cogliere l’eredità del sindaco cilentano ucciso nel settembre 2010. Domenica 8 maggio, in occasione della giornata nazionale di Voler bene all’Italia di Legambiente, una targa e una riproduzione del Marlin di Pollica (in ricordo di Ernest Hemingway che proprio qui immaginò Il vecchio e il mare), verranno consegnati al sindaco di Burgio, Vito Ferrantelli, per l’eccellente progetto di sviluppo del suo borgo incentrato sul rilancio dell’arte e dell’artigianato locale (dalla ceramica alle campane), sull’enogastronomia e soprattutto per aver guidato il comitato promotore per l’istituzione del Parco dei monti Sicani (primo esempio di area protetta voluta e condivisa dagli abitanti e gli amministratori del luogo insieme alle associazioni ambientaliste).\r\n\r\nMa non solo, al piccolo comune che vanta una raccolta differenziata pari quasi al 60% (in una regione difficile, dove la media si aggira intorno al 6%), già protagonista di importanti battaglie per l’acqua pubblica, andrà anche un audit energetico sostenuto da Enelgreenpower che gli permetterà di accedere al Patto dei Sindaci.\r\n\r\nL’8 maggio 2011 si celebra infatti, l’ottava edizione di Voler Bene all’Italia, la giornata nazionale dei Piccoli Comuni, organizzata da Legambiente insieme a Anci, Coldiretti, Symbola e un vasto comitato promotore di associazioni ed enti, grazie al contributo di EnelGreenpower, con l’Adesione del Presidente della Repubblica. Un evento di cui saranno protagonisti 2.000 Piccoli Comuni sparsi per tutto lo Stivale, concretamente coinvolti per celebrare questa parte di Italia che custodisce saperi tradizionali e beni culturali preziosi, talenti nascosti e eccellenze nel campo dell’artigianato, dell’enogastronomia, del paesaggio e della biodiversità, e che contribuisce in modo significativo anche alla coesione sociale, all’inclusione culturale e alla costruzione di una cultura di solidarietà e pace.\r\n\r\n“Il Premio Angelo Vassallo – ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – sarà l’occasione per riunire le migliori buone pratiche dei piccoli comuni italiani nello splendido scenario di Pollica. In tutta la Penisola come nelle nostre isole, infatti, sono molti gli amministratori impegnati come il sindaco pescatore che ha ispirato il premio, nella valorizzazione intelligente e lungimirante dei piccoli territori che fanno bella e preziosa l’Italia, perchè sono proprio i nostri municipi cosiddetti “minori” a giocare spesso un ruolo d’avanguardia in diversi settori, dalle produzioni di qualità alle rinnovabili, passando per turismo sostenibile, la soft economy e la buona gestione del territorio”.\r\n\r\n“Quest’anno – commenta Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente – nella giornata di Voler bene all’Italia ci sarà un motivo in più per festeggiare. Con l’approvazione alla Camera della legge a favore dei piccoli comuni, dal Parlamento è arrivato un segnale positivo per il paese. È una legge molto attesa, non perché da sola possa essere risolutiva dei problemi aperti, ma perché indica con chiarezza una direzione ed una politica: considerare i piccoli comuni non un peso per il nostro paese, un’eredità del passato, ma una straordinaria occasione per difendere la nostra identità, le nostre qualità e costruire il futuro. Ci auguriamo che il Senato concluda rapidamente l’iter di approvazione perché questa legge potrà essere uno strumento importante per un processo di valorizzazione della piccola grande Italia”.\r\n\r\nIl Belpaese è infatti disseminato di ben 5.703 comuni al di sotto dei 5.000 abitanti. Questi municipi rappresentano il 70,4% dei nostri comuni e il 18% della popolazione italiana, ed è qui che si sperimentano fonti rinnovabili, si differenziano e riciclano i rifiuti, si producono Dop ed eccellenze enogastronomiche famose nel mondo, sperimentano buone pratiche per la tutela del territorio e della biodiversità, si difendono il ruolo della cultura e dell’istruzione attuando politiche concrete d’integrazione. Sono proprio i Piccoli Comuni quindi, a mostrare oggi le maggiori potenzialità del Belpaese, quella capacità tutta italiana di affrontare le sfide del futuro con dinamismo e saggezza.\r\n\r\nChe proprio in queste culle dei saperi tradizionali si stiano diffondendo le principali esperienze di innovazione tecnologica in campo energetico lo testimoniano i dati dell’ultimo dossier Comuni Rinnovabili di Legambiente, realizzato in collaborazione con il GSE, che da sette anni fotografa l’evoluzione della diffusione nazionale delle rinnovabili a livello comunale. Dei 7.661 comuni italiani che utilizzano energia prodotta con fonti rinnovabili infatti, quasi il 69% sono piccoli (in 4.987 Comuni troviamo il solare fotovoltaico, in 2.745 il solare termico, in 229 l’eolico, in 828 il mini idroeletttrico e in 130 la geotermia. Le biomasse si trovano in 550 municipi.\r\n\r\n“Le energie rinnovabili – sottolinea Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel Green Power – non sono solo a basso impatto ambientale, ma utilizzano al meglio le risorse presenti in ambito locale, con impianti distribuiti di piccola e media taglia. Per questo motivo si integrano molto bene con le diverse realtà comunali italiane ricche di risorse naturali quali acqua, calore della terra, vento, sole e biomassa. Una sintonia confermata dai numeri: dei 7.661 comuni italiani che utilizzano energia prodotta con fonti rinnovabili, ben il 69% sono piccoli comuni”.\r\n\r\nLa festa di Voler Bene all’Italia è iniziato  giovedì 5 maggio con le iniziative dedicate alle scuole dei centri minori di tutta Italia per rilanciare l’importanza della salvaguardia del diritto all’istruzione nelle piccole comunità e difendere il diritto ad una scuola di qualità anche nelle aree marginali, e che culmineranno con il convegno Le scuole montane come presidi educativi di eccellenza che si terrà sabato 7 maggio a Montegabbione (Terni).\r\n\r\nVoler bene all’Italia è una manifestazione realizzata con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Ministero del Turismo, Corpo Forestale dello Stato e Protezione Civile.\r\n\r\nTutti gli appuntamenti e le adesioni su www.piccolagrandeitalia.it\r\n\r\nFonte: ufficio stampa Legambiente

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here