Home Ambiente La Rainbow Warrior fa rotta sul mare radiottivo del Giappone

La Rainbow Warrior fa rotta sul mare radiottivo del Giappone

79
SHARE

La nave ammiraglia di Greenpeace, la Rainbow Warrior, è partita oggi da Taiwan con rotta sul Giappone per monitorare la contaminazione radioattiva in mare e negli organismi marini. L’obiettivo è di raggiungere tra il 27 e il 28 aprile la costa della Prefettura di Fukushima, dove la centrale Fukushima Daichii sta rilasciando notevoli quantitativi di radiazioni sia per sversamento diretto che trasportate dai venti. A bordo anche la responsabile della campagna Mare di Greenpeace Italia.\r\n\r\n”Il Giappone dipende dalle risorse del mare per la sua alimentazione e visto il continuo rilascio di radiazioni in mare, comprese quelle direttamente sversate da TEPCO, è fondamentale una verifica indipendente dell’estensione della contaminazione per valutare realisticamente l’impatto sulla salute umana e sull’ambiente” – spiega Giorgia Monti, Responsabile della campagna Mare di Greenpeace imbarcata sulla Rainbow Warrior.\r\n\r\nGreenpeace ha già contattato il governo del Giappone informandolo dell’arrivo della Rainbow Warrior e sta utilizzando i canali appropriati per poter aggiungere i rilevamenti della radioattività in mare a quelli che le tre squadre di radioprotezione di Greenpeace hanno già realizzato nelle immediate vicinanze dell’area di esclusione di 20 km attorno alla centrale di Fukushima Daichii.\r\n\r\n”I dati di Greenpeace confermano che decine di migliaia di persone sono ancora in aree a rischio – commenta Juniki Sato, Direttore di Greenpeace Giappone – Vogliamo continuare a fornire dati accurati e indipendenti per aiutare chi vive nell’area a fare le scelte giuste per proteggersi”.\r\n\r\nLa Rainbow Warrior ha una lunga storia di operazioni, determinate ma pacifiche, contro il nucleare. Alla vigilia del venticinquesimo anniversario del disastro di Cernobyl, Greenpeace spera che le attività della nave nell’area di Fukushima – uno degli ultimi viaggi dell’ammiraglia prima del varo della nuova Rainbow Warrior (III) – permetteranno di rispondere meglio a questa terribile crisi e, soprattutto, di informare il pubblico sui costi insopportabili del nucleare. Una tecnologia costosa, inutile e pericolosa che il governo italiano, nonostante i trucchi sul referendum di cui teme gli esiti, continua nei fatti a sostenere.\r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa Greenpeace

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here