Home Musica L’Album Nali di Annalisa Scarrone

L’Album Nali di Annalisa Scarrone

124
SHARE

«Piacere, Nali. Questa sono io». Nali è Annalisa Scarrone, la 25enne cantante di Savona finalista della decima edizione di “Amici”. “Nali” è il suo disco di debutto, prodotto da Dado Parisini e nei negozi dal 4 marzo, che contiene 8 canzoni inedite di autori illustri (Casalino, Camba, Coro, Faini, Verrienti e la stessa Scarrone nel brano “Solo”) più la cover “Mi sei scoppiato dentro il cuore” di Mina. Nali è un astro nascente della musica digitale: l’album omonimo, infatti, ha conquistato in un solo giorno la seconda posizione della classifica di iTunes, dove è disponibile in esclusiva la bonus track “Diamante lei e luce lui” in versione unplugged.\r\n\r\n«Ho scelto il mio soprannome come titolo del mio primo disco – spiega Annalisa – perché mi sembra il modo più naturale e diretto per presentarmi alla gente. Ha iniziato a chiamarmi così un’amica che mi è stata particolarmente vicina nel mio periodo universitario. Senza di lei forse non sarei riuscita a venirne a capo: mi piace pensare che il fatto che poi tutti mi abbiano chiamato Nali sia un modo per averla sempre vicina. Magari in futuro Nali diventerà il mio nome d’arte».\r\n\r\nAnnalisa Scarrone è laureata in Fisica. Ha studiato anche chitarra classica, flauto traverso e pianoforte; ma lo strumento con cui ha ammaliato i critici, gli insegnanti e il pubblico di “Amici” è il suo timbro vocale educato e poliedrico, che le permette di spaziare con personalità dalle atmosfere brit-pop del singolo “Brividi” alla vocalità gustosamente retrò di “Inverno”.\r\n\r\n«La mia vocalità è assolutamente naturale. È il frutto di tanti anni trascorsi ad ascoltare i generi più disparati di musica: Bjök, Mina, Kerli, Nada, Adele, Joni Mitchell, Portishead… La mia voce si esprime in maniera istintiva: è la mia difesa e il mio segno distintivo nei confronti del mondo. Il timbro vocale è genetica: sono io e trovo che mi rappresenti più della mia fisicità».\r\n\r\nAnche l’inno alla normalità “Solo” contribuisce a tracciare l’identikit di Annalisa. «È una sorta di mio buffo ritratto. A volte ci sforziamo di apparire come supereroi o rockstar di quartiere, ma noi siamo “solo” il risultato di esperienze, ricordi, conoscenze e coincidenze. Questa canzone è anche un invito ironico a non darsi troppa importanza». “Solo” è l’unica canzone firmata dalla Scarrone, che ha composto testo e musica. «Mi sento a mio agio come interprete, ma contemporaneamente spero di arrivare a registrare un intero disco come cantautrice. Sarebbe bello iniziare con un lavoro di squadra. Tempo al tempo».\r\n\r\nL’album “Nali” si apre con “Giorno per giorno” che si ricollega al percorso artistico di Annalisa ad “Amici”. «Riflette in generale ciò che sono, ciò che sono stata e forse ciò che sarò. È il brano che disegna meglio questo momento così speciale della mia vita: il verso che preferisco è “credo che il modo di donare sia più importante del dono in sé”. A me piace lottare sempre e comunque, facendo leva sulle passioni e sui sogni».\r\n\r\nVivere senza filtri. È uno dei sogni di Annalisa: «La canzone “Fuori” è dolcissima e incredibilmente lucida: mi porta lontano e ha il sapore di qualcosa che si aspetta e che forse non arriverà mai. Per me l’attesa è di questo: della caduta del filtro per vivere tutto quanto liberi da noi stessi». Più libera e consapevole per affrontare tutti gli imprevisti della vita, anche quello positivo cantato nel singolo “Brividi”: «Un sentimento che arriva inaspettato e ti sorprende piacevolmente. Ci si pone mille domande, ma intanto, poco per volta, ci si scivola dentro». Libera di assaporare la gioia del rapporto di coppia descritto in “Diamante lei e luce lui”: «È il simbolo della felicità che commuove e scava in profondità più del dolore».\r\n\r\nLe nove tracce del cd “Nali” sono un caleidoscopio di emozioni. La sofferenza di “Cado giù”: «Il momento in cui si prende coscienza che qualcosa è finito: è impossibile tornare indietro e inutile inventare scuse. Per assurdo, è anche il passaggio obbligato in cui si mettono le basi per ripartire». La positività di “Inverno”: «Eccola, la partenza. Sento un respiro vitale di grande ottimismo: la dimensione onirica della canzone si ricrea attorno a me che la canto». Il tormento e la speranza di “Questo bellissimo gioco”: «Per me questo testo, che si regge su illusione e malinconia, è l’antitesi perfetta di “Cado giù”. La sofferenza è uguale, ma qui parte dalla speranza e dalla volontà di provare a inventare una soluzione».\r\n\r\n“Nali” è un disco pop, ma il suo orizzonte sonoro ha un raggio molto ampio: «C’è un filo conduttore popolare che si sposta leggermente per assecondare l’intenzione della canzone. L’orecchio spazia dall’impronta britannica di “Brividi” e “Fuori” agli arrangiamenti più tipicamente italiani di “Questo bellissimo gioco”, esplorando anche sentieri elettronici in “Solo” e “Giorno per giorno”».\r\n\r\n“NALI” tracklist con il commento di Annalisa brano per brano\r\n\r\nGIORNO PER GIORNO\r\n\r\n“Giorno per giorno io mi nutrirò\r\n\r\ndi ogni tuo piccolo gesto spontaneo\r\n\r\ncredo che il modo di donare\r\n\r\nsia più importante del dono in sé”\r\n\r\nMi ricollega precisamente al percorso fatto ad “Amici” e contemporaneamente riflette quello che sono, quello che sono stata, quello che forse sarò. Mi fa venire una gran voglia di sperare e combattere: lottare sempre e comunque facendo leva sulle passioni e sui sogni. È sicuramente la canzone che disegna meglio questo momento così speciale della mia vita.\r\n\r\nFUORI\r\n\r\n“Ti vedo bene quando tu stai bene\r\n\r\nla pioggia arriva con i tuoi pensieri, l’amore\r\n\r\nriflette luci ed ombre che portiamo dentro al cuore\r\n\r\nl’amore, la follia che stai portando nel mio cuore\r\n\r\nl’amore che ti aspetta apri la porta che è qui fuori”\r\n\r\nÈ una canzone dolcissima e incredibilmente lucida allo stesso tempo. Mi trasporta lontano e ha il sapore di qualcosa che si aspetta, che forse non arriverà mai. Inevitabilmente veniamo influenzati da un fatto, da un pensiero, da un ricordo, dalle parole di qualcuno… E tutto questo fa sì che i rapporti, e la vita stessa, siano vissuti con un filtro più o meno presente. Per me l’attesa è di questo: della caduta del filtro per vivere il tutto liberi da noi stessi.\r\n\r\nCADO GIÙ\r\n\r\n“Cado giù, come neve\r\n\r\nnon mi resta che aspettare\r\n\r\nche il sole sciolga il mio dolore\r\n\r\ncado giù, come neve\r\n\r\nnon sarai tu a stringermi\r\n\r\nnon sarai tu a vivermi\r\n\r\nlo avresti detto mai?”\r\n\r\nLa canzone più difficile e sofferta. Per me rappresenta quel momento in cui si prende coscienza che qualcosa è finito e non si può più tornare indietro o inventarsi una scusa. Per assurdo, è anche il passaggio obbligato in cui si mettono le basi per ripartire. Dentro c’è tutto questo: c’è la caduta, ma anche la rinascita.\r\n\r\nINVERNO\r\n\r\n“Toccare il cielo in una stanza\r\n\r\nè un’illusione che mi basta\r\n\r\nfuggo insieme a te per rinascere\r\n\r\nper superare questo inverno”\r\n\r\nEccola, la partenza. E non solo perché è stato il mio primo inedito presentato ufficialmente. Per me questa canzone rappresenta apertura e positività. È come se la dimensione onirica e meravigliosa di cui si parla, si ricreasse attorno a me che la canto.\r\n\r\nDIAMANTE LEI E LUCE LUI\r\n\r\n“L’abbraccerà, rallegrerà, solleverà se mai cadrà\r\n\r\ndifenderà, sempre sarà, diamante lei e luce lui\r\n\r\nl’abbraccerà, rallegrerà, solleverà, se piangerà\r\n\r\ndifenderà, perdonerà, diamante lei e luce lui\r\n\r\nper sempre”\r\n\r\nUn brano incredibile. È il simbolo della felicità che commuove e arriva profonda più del dolore. C’è la volontà perfetta del “prendersi cura” e il desiderio puro e trasparente che diventa promessa.\r\n\r\nQUESTO BELLISSIMO GIOCO\r\n\r\n“È poco è poco\r\n\r\nnon può bastarmi questo bellissimo gioco\r\n\r\nl’impossibile certezza di trovarti quando torno\r\n\r\ndi volare stando fermi e avere tutto il mondo tutto intorno\r\n\r\nè poco è poco\r\n\r\nma non ti grido “è stato quel che è stato”\r\n\r\nc’è ancora spazio per sperare e sole per ricominciare\r\n\r\nc’è ancora tempo per sbagliare la soluzione da inventare tra di noi\r\n\r\nquesto bellissimo gioco tra di noi”\r\n\r\nQuesta canzone è l’antitesi perfetta a “Cado giù”. C’è la stessa sofferenza, ma qui parte dalla speranza, dalla volontà di provare a “inventare” una soluzione. E per me “inventare” è la parola chiave, perché lascia intravedere l’illusione e la malinconia su cui si regge tutta la canzone.\r\n\r\nSOLO\r\n\r\n“Sono solo una piccola briciola, solo\r\n\r\nsono solo minuscola, semplicità, solo\r\n\r\nsono solo una timida musica, solo\r\n\r\nsono solo una goccia di casualità, solo”\r\n\r\nSi può dire che questa traccia sia una sorta di mio buffo ritratto. Vuole essere un piccolo inno alla normalità. A volte facciamo di tutto per sentirci diversi, per apparire “grandi”, come tanti e variopinti supereroi e rockstar di quartiere; cosa che io tra l’altro ritengo del tutto sana e divertente. Questa canzone mi ricorda quello che sono in realtà, quando “lo spettacolo” finisce: sono “solo” il risultato di esperienze, ricordi, coincidenze e conoscenze. Vuole essere anche un ironico invito a non darsi troppa importanza.\r\n\r\nBRIVIDI\r\n\r\nMentre tu mi sfiori piano\r\n\r\nbrividi brividi\r\n\r\nmentre tu mi sfiori\r\n\r\ncosì segretamente, così violentemente piano\r\n\r\nbrividi brividi\r\n\r\nmentre t’innamori delle mie insicurezze\r\n\r\ndelle mie prepotenze\r\n\r\ndoveva essere soltanto un gioco\r\n\r\nvolevo non pensarti dopo”\r\n\r\nÈ il classico sentimento che non ti aspetti e che piacevolmente ti sorprende. Ci si domanda… ci si interroga… ma intanto, poco per volta, ci si scivola dentro.\r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa Warner Music – Elena Tosi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here