Home Musica Alberto Capelli e gli Alkord a Mantova

Alberto Capelli e gli Alkord a Mantova

119
SHARE

Martedì 1 marzo (alle ore 22) Alberto Capelli e gli Alkord, presenteranno sul palco del CLOS WINE BAR di Mantova (Corte dei Sogliari, 3) il loro nuovo album “Mini-Male” (Artesuono/Egea). Con questo disco, la formazione si è affermata come l’unico esempio di ensemble Flamenco Jazz nel panorama della musica italiana e si confronta a livello internazionale con artisti come Pedro Iturralde, Chano Dominguez e Vicente Amigo.\r\n«Alkord è un ensemble multiforme dal grande spirito comunicativo – descrive così il suo progetto Alberto Capelli – nelle sue corde vibrano l’imprevedibilità dell’improvvisazione, la densità del tessuto scritto, la forza e l’originalità della modernità. La musica che Alkord produce è assolutamente condivisibile eppure interroga sul mistero della fonte che la genera; jazz, flamenco, minimalismo, progressive rock e musica classica contemporanea sono solo lievi tracce da seguire per comprenderne il senso. Una musica densa, nuova, diversa.»\r\nLa formazione composta da Alberto Capelli (chitarra classica e composizione), Eugjen Gargjola (al violino), Silvia Dal Paos (al violoncello), Nicola Negrini (al contrabbasso) e Stefano Rapicavoli (alle percussioni), si esibirà alle ore 22 e riprodurrà dal vivo le atmosfere del loro nuovo album, MINI-MALE, uscito il 27 gennaio.\r\nIl disco è stato prodotto, mixato e masterizzato da Stefano Amerio agli Artesuono Recording Studio di Cavalicco (Udine). Il graphic design è stato curato da Silvia Moscati, mentre le foto sono state realizzate da Monica Rossi.\r\nGli ALKORD, fondati e guidati da Alberto Capelli, hanno già pubblicato due album di inediti (“Nelle Mie Corde” del 2007 e “L’Attesa” del 2008), e sono un quintetto di sole corde e percussioni che fonde con raffinatezza le armonie del jazz e i suggestivi ritmi del flamenco passando per le nuove avanguardie della musica contemporanea.\r\nAlberto Capelli, chitarrista e compositore di estrazione jazzistica, si distingue per la grande preparazione tecnico-espressiva e per la sua ricerca nel jazz, nella musica latino-americana e nella tradizione gitano-andalusa della musica flamenca. Ha suonato fra gli altri con Massimo Urbani, Achille Succi, Fabrizio Puglisi, Piero Leveratto, Carla Bley, Steve Swallow, Louis Sclavis, BrunoTommaso, Steve Coleman, John Zorn, Joe Baron, Mike Patton.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here