Home Televisione AUSMERZEN – Vite indegne di essere vissute. Marco Paolini torna su LA7

AUSMERZEN – Vite indegne di essere vissute. Marco Paolini torna su LA7

88
SHARE

Un racconto in prima serata, in diretta e senza interruzioni pubblicitarie: Marco Paolini e LA7, portano ancora una volta il teatro civile in televisione con una serata dedicata alla terribile vicenda legata alle teorie dell’eugenetica che fra il ’34 e il‘45 ha portato il nazismo alla sterilizzazione prima e all’eliminazione poi dei disabili e dei malati di mente, con la sperimentazione di tecniche di eliminazione di massa poi applicate anche nella “soluzione finale” contro gli ebrei e gli altri “impuri”. Il 26 gennaio 2011 alle 21.10, alla vigilia del Giorno della Memoria, l’artista veneto racconterà dall’ex ospedale psichiatrico “Paolo Pini” di Milano “AUSMERZEN.Vite indegne di essere vissute”, una narrazione pensata per approfondire il valore del ricordo, il dolore dell’esperienza, il senso della responsabilità storica e individuale, il concetto di diversità e di accoglienza, l’importanza del messaggio legato al lavoro che Paolini e LA7 porteranno nelle case di milioni di italiani nella serata che precede il Giorno della Memoria.\r\n\r\n“Questo lavoro è frutto di due anni di ricerche, di incontri con testimoni e con specialisti – spiega Marco Paolini -. È una narrazione cruda, nitida, razionale. Io non sono l’officiante di un rito della memoria, ma ne sono un cronista. E faccio la cronaca di una storia di cuipochi sanno moltissimo e molti non sanno nulla, dunque cerco di non maltrattare né gli uni né gli altri. Anch’io ne sapevo pochissimo fino a qualche tempo fa. Serve provare a raccontarla perché non penso sia solo archeologia storica, e neppure una storia solo tedesca. Pone domande difficili, che riguardano il presente, e forse è per questo essere difficili che non ce le poniamo volentieri. Ho chiesto aiuto a Gad Lerner per far sì che queste domande emergano dopo il racconto, dalle impressioni e dalle osservazioni degli spettatori in sala, ma sono sicuro che saranno le stesse che si porranno in tanti da casa”. Gad Lerner introdurrà brevemente lo spettacolo, accompagnandoci in teatro e, al termine, condurrà un approfondimento discutendo dei temi toccati con gli ospiti che con lui assisteranno allo spettacolo. “Questa per me un’esperienza molto gratificante, è da tempo infatti che aspiravo a lavorare con Marco Paolini – dichiara Gad Lerner -. Il mio compito sarà quello di attualizzare il suo racconto per far capire come una logica aberrante, quale la selezione dei disabili avvenuta in un preciso momento storico per azzerare i costi sociali del loro mantenimento, si possa ritrovare anche nel mondo di oggi.”\r\n\r\n“Il 26 gennaio – afferma Lillo Tombolini, direttore di rete di LA7 -, alla vigilia del Giornodella Memoria, LA7 e Marco Paolini si ritrovano ancora una volta per offrire ai telespettatori un prodotto unico, originale, che scava nel passato per trasmettere un messaggio quanto mai attuale: “Ausmerzen – Vite indegne di essere vissute”, un racconto che vuole stimolare le coscienze di oggi attraverso una vicenda insabbiata per decenni dopo la guerra, il cosiddetto Progetto Aktion T4, cioè l’eliminazione fisica del diverso.\r\n\r\nSiamo onorati dal fatto che Paolini metta a disposizione del pubblico del nostro canale la sua straordinaria capacità di narrazione. Introdurrà la serata Gad Lerner e, alla fine, dopo il racconto, ne discuterà con la sua sensibilità e la sua cultura, con l’aiuto di alcuni ospiti”. Per informazioni: www.marcopaolini.info e www.la7.it/paolini. Il racconto andrà in scena nelle cucine dell’Ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini di Milano (via Ippocrate 45) martedì 25 gennaio (ore 18) e mercoledì 26 gennaio (ore 21). Ingresso € 15,00.\r\n\r\nConsiderato il limitato numero dei posti disponibili, è necessario prenotarsi attraverso il sito internet dedicato, fornendo tutti i dati per l’identificazione. Tutte le informazioni e le istruzioni per partecipare si trovano su www.marcopaolini.info .\r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa Goigest

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here