Home Teatro Lighea contro la Violenza con Il cuore in bocca

Lighea contro la Violenza con Il cuore in bocca

197
SHARE

MIELE E VELENO sono gli ingredienti di un cocktail che segna talvolta di tenerezza e di violenza persino il rapporto di coppia. Amarsi e farsi del male. Carezze e schiaffi.\r\nMa “Miele e veleno” è anche il titolo di un brano e di un progetto con il quale LIGHEA, la voce indimenticata di ““Possiamo realizzare i nostri sogni” (Sanremo ’94), di “Rivoglio la mia vita” (Sanremo ’95), di “Le cose che non riusciamo a terminare mai” (Festivalbar ’95) si ripropone di raccogliere la quotidianità di questi chiaroscuri e di raccontarli sul filo della cronaca, della poesia, dello sdegno e, spesso, dell’ironia.\r\nLa nuova LIGHEA è un’interprete più matura e una persona più sensibile. La sua vocalità si è fatta più raffinata e più sicura, il suo sguardo sulla realtà è più consapevole, il suo modo di raccontarla più coinvolgente.\r\nLo fa con lo spettacolo “Il cuore in bocca”, in veste di cantautrice e di attrice, insieme alla compagnia marchigiana IMPROVVIVO, capace di improvvisazione e di comicità, alla scrittrice toscana ELENA TORRE, autrice di romanzi, di racconti e del saggio “Giorgio Gaber, l’ultimo sileno”, e con l’apporto visuale di immagini fotografiche scattate da dieci fotografi: \r\nGli arrangiamenti sono stati curati da GIUSEPPE MORGANTE e il montaggio delle immagini è stato realizzato da CHRISTIAN MINNOZZI.\r\n\r\nLo spettacolo, affidato alla regia di STEFANO DE BERNARDIN andrà in scena in anteprima a Monterubbiano (Fermo) il 25 novembre, il 27 a Milazzo (Messina), il 6 dicembre a Pescara e, a seguire, a Bellaria, Modena, L’Aquila, Porto San Giorgio, Ascoli Piceno e in altre città d’Italia (vedi il calendario al sito www.lighea.it).\r\nE’ un viaggio attraverso le molte facce della violenza di oggi, su se stessi, sugli altri, sul mondo. Ed è un’indagine dentro l’animo umano con le sue misteriose impennate verso la follia.\r\nQuello a Giorgio Gaber e al suo teatro-canzone è forse il riferimento più appropriato per definire questa forma di spettacolo, che lascia semi di speranza per un futuro diverso, attraverso un percorso che guarda alle molte facce della violenza domestica con canzoni edite e monologhi originali che si contrappongono o si amplificano a vicenda.\r\n\r\nPer il suo contenuto contro la violenza, lo spettacolo ha ottenuto il patrocinio dell’Associazione Prometeo contro la pedofilia, così come il progetto “Miele e veleno” ha trovato una tale sintonia con la campagna promossa dalla Regione Marche contro la violenza sulle donne, in tutte le sue coniugazioni, che LIGHEA è stata scelta per esserne la testimonial.\r\n\r\nSia “Miele e veleno” che “Il cuore in bocca” sono prodotti da ANTEROS produzioni.\r\nLa sensibilità di LIGHEA verso le situazioni di emergenza sociale che interpellano la coscienza di tutti l’ha anche fatta scegliere come madrina della terza edizione della “Corsa dei Santi” promossa dalla Fondazione Don Bosco nel Mondo. La corsa, considerata dagli esperti una delle più belle del mondo per il suo snodarsi nel cuore antico di Roma, si svolge la mattina del primo novembre per portare in primo piano, col linguaggio genuino dello sport e la forza evocativa della televisione – Canale 5 dedica alla manifestazione un’ora di diretta -, l’enorme emergenza dei 13 milioni di profughi dell’alluvione pakistana.\r\n\r\nFonte: Ufficio Stampa Prime Time Promotions

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here